Golfo Aranci

Rally di Sardegna, pochi giorni al via
In piazza d'Italia il primo show

Appuntamento giovedì dalle ore 18

SASSARI. I motori sono pronti a rombare e a darsi filo da torcere per il Rally d'Italia Sardegna. L’appuntamento per l'unica gara organizzata direttamente dall’Automobile Club d’Italia insieme al GP di Monza di Formula 1 è fissato per il 20 giugno e si preannuncia ricco di spunti tecnici e sportivi all'insegna di un weekend di grandi nomi e spettacolo sulle strade.

La novità dell’edizione 2013 è sicuramente la nuova cerimonia di partenza, nello scenario di piazza d’Italia, il “Salotto della città” di Sassari. “Dopo aver portato l’assistenza delle vetture in oiazzale Segni, davanti al PalaSerradimigni” - ha spiegato Giuseppe Pirisinu, coordinatore della cerimonia – abbiamo ritenuto opportuno proseguire e accrescere il nostro rapporto di collaborazione con le autorità cittadine. Così, per regalare un’ulteriore opportunità di vedere da vicino i campioni del circus mondiale, abbiamo spinto per poter allestire in piazza d’Italia la cerimonia di partenza”. A partire dalle ore 18 una nutrita “pattuglia” di gruppi folkloristici dall’intera provincia animerà la piazza con balli tradizionali, oltre a diverse esibizioni degli “Sbandieratori e Musici della Città dei Candelieri”. Ci sarà anche lo staff della Red Bull, che distribuirà bibite e gadget in omaggio ad appassionati e curiosi. La prima vettura salirà sul palco, allestito tra due tribune per ospiti e Vip (dove è atteso l’ex direttore generale della Ferrari, Jean Todt, attuale presidente della FIA), alle ore 19, con le auto che sfileranno scortate nel centro cittadino, da piazzale Segni a piazza d’Italia, per una vera e propria passerella nel cuore della città. Spazio anche all’ecologia, con una esposizione di auto elettriche di diversi Costruttori, per finire con la mostra statica di Auto Storiche.

Sono tanti i protagonisti attesi al via della gara, che chiude la prima metà della stagione iridata. La Volkswagen - dopo i proficui test pre-event nell’Oristanese, svolti la scorsa settimana alla presenza anche dell’attaccante dell’Arsenal Lukas Podolski - è attesa con i piloti ufficiali Sébastien Ogier, Jari-Matti Latvala (vincitore due settimane fa in Grecia) e il campione IRC in carica Andreas Mikkelsen. Grande attesa anche per le DS3 World Rally Car del team Citroen-Abu Dhabi, che schiererà sugli sterrati della Sardegna sia il vice-campione del Mondo finlandese Mikko Hirvonen che lo spagnolo Daniel Sordo, oltre allo sceicco Khalid Al-Qassimi. Quartetto d’attacco per la Ford, il cui team Qatar sarà al via con i giovani Mads Ostberg, Evgeny Novikov e Thierry Neuville, affiancati dalla medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Londra 2012, nonché vincitore della Dakar, Nasser Al-Attiyah, affiancato dal copilota italiano Giovanni Bernacchini.

Riflettori puntati anche sulle categorie propedeutiche, con piloti di spicco e nomi “di casa nostra” pronti a darsi battaglia tra le prove cronometrate disegnate tra Monte Acuto, Gallura e Logudoro. Tra di essi, non passa inosservato il nome del giovane polacco Robert Kubica, ex-pilota di Formula 1 alla BMW e alla Lotus-Renault, che sarà al via con una Citroen DS3 RRC semi-ufficiale, così come quello dell’italiano Lorenzo Bertelli, figlio della stilista Miuccia Prada con una Ford Fiesta del team ‘Fuckmatié WRT’. Con una Citroen DS3 in versione R3, invece, prenderà il via della corsa anche Simone Campedelli, assistito in gara dalla scuderia francese Sainteloc, la stessa che gestisce il programma ufficiale Peugeot nell’Europeo Rally.


 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione