Vita da incubo in via De Fabris a Olbia
Liquami ovunque ogni volta che piove

di Davide Mosca


OLBIA. Liquami maleodoranti, carta igienica, fanghiglia ed escrementi fuoriescono da quel tombino ogni qual volta che piove, rendendo impossibile la vita ai residenti di via De Fabris a Olbia. E non è solo quello a creare il problema, ma anche tutte le canalette di scolo dell'acqua presenti nella strada, ormai otturate da tempo che traboccano e sputano liquami non solo nelle via ma anche nei garage e negli scantinati. I residenti della zona non ce la fanno più. Sono passati quattro giorni dall'ultimo allagamento e nonostante le sollecitazioni, nessuno ha ripulito la strada che rimane in condizioni di sporcizia inaudita. Nessuno ha dato una risposta a quei cittadini. Un signore, che abita in via De Fabris, ci dice di aver visto la Polizia Locale fare un sopralluogo e poi più nulla. 

Un ragazzo che ci vede fare le foto al tombino rimasto divelto, ci avvicina e quasi sollevato ci chiede: "Siete del Comune? Siete venuti per risolvere il problema?". Rispondiamo di essere dei giornalisti e di stare lì per documentare e raccontare il disagio della zona. Così il giovane, un po' deluso, ci ha raccontato il problema di una rete fognaria sottodimensionata rispetto alle reali esigenze della via: "Non ce la facciamo più. Io chiamo continuamente in Comune, ho parlato con tutti, mi hanno detto che non possono fare niente e che qui le fogne non sono adeguate, ci vogliono troppi soldi. Ho parlato anche con i tecnici e mi hanno spiegato che qui ci vorrebbero più di ventimila euro per risolvere la situazione e i soldi non ci sono perché dicono che hanno tutto bloccato dal patto di stabilità". Il disagio va avanti da quasi due anni e alcuni residenti, tra cui una dottoressa, hanno annunciato di voler denunciare alla Asl la questione che è ormai diventata di carattere igienico sanitario. A ogni modo, gli abitanti di via De Fabris richiedono al Comune un intervento immediato, per evitare, alla prossima pioggia, l'ennesimo allagamento della strada. 


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione