Olbia, firmato accordo Comune-RFI
A breve lavori per centro intermodale

di Antonella Brianda


OLBIA. Dopo circa due anni di trattative, questa mattina il Comune di Olbia e Rete Ferroviaria Italiana hanno firmato a Cagliari i contratti di comodato di due aree richieste dall'amministrazione comunale. Entro la fine dell'anno si potrà così abbattere il vecchio muro presente nella curva di via D'Annunzio. L'altra area è stata individuata davanti l'attuale stazione ferroviaria, dalla parte di via D'Annunzio. Si tratta di 1.200 metri quadri dove il comune, coinvolgendo tutte le aziende di trasporto pubblico locale operanti ad Olbia, intende allestire un piccolo centro intermodale (ferro-gomma). "Esprimo grande soddisfazione per l'obiettivo raggiunto - ha così commentato l'assessore ai Lavori Pubblici del comune di Olbia, Davide Bacciu - Sono stati due anni di intenso lavoro; le prime richieste scritte risalgono infatti all'agosto del 2011. Dopo otto viaggi a Cagliari, un incontro a Roma nel dicembre dello scorso anno, alla sede della Rete Ferroviaria Italina insieme al sindaco di Olbia Gianni Giovannelli e dopo decine di comunicazioni scritte e verbali, si è giunti ad un accordo. Una mole di lavoro che oggi ha visto l'amministrazione e la città acquisire a costo zero, la disponibilità di aree importantissime per la nostra città", ha concluso l'assessore Bacciu.


Alla base del progetto c'è l'idea di arretrare di alcuni metri il confine con lo spazio della ferrovia che verrà realizzato attraverso un muretto basso ed orsogrill in conformità alla parte restante della recinzione e realizzare un area decorosa, con nuovi camminamenti, verde e panchine. Il progetto è ancora in fase di definizione. Mentre per quanto riguarda l'area davanti alla stazione, l'obiettivo è quello di far confluire nel sito tutti gli autobus urbani ed extraurbani, di modo che si possa fare sinergia con le ferrovie e migliorare così la mobilità in entrata ed in uscita dalla città di Olbia. 

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione