SOLIDARIETÀ ALLUVIONATI

Raccolta fondi a favore dell'Asd Olbia
Da Magione un aiuto allo sport


OLBIA. Le società sportive di Magione, un comune ci circa 15 mila abitanti in provincia di Perugia, sul lago Trasimeno, si sono unite per una raccolta fondi a favore di una società sportiva di Olbia le cui strutture sono rimaste gravemente danneggiate dall'alluvione. “Magione pro Sardegna”: è questo il nome dell'iniziativa di solidarietà, patrocinata dalla Lega Nazionale Dilettanti Umbria e dal Coni Umbria che permetterà di raccogliere fondi da destinare alla ricostruzione degli impianti sportivi dell’Asd Olbia 1905, gravemente danneggiati dall'alluvione che ha colpito la Sardegna lo scorso 18 novembre. Ispirati dalle parole di Nelson Mandela, “Lo sport può cambiare il mondo”, la Magione sportiva si è unita per una raccolta di fondi che a fine gennaio saranno consegnati in un appuntamento pubblico che si terrà nella sede della Lega Dilettanti Umbria.


A fare da capofila all’iniziativa sono due società calcistiche, Ventinella e Junior Magione, grazie all'intuizione dei loro dirigenti del settore giovanili. L'idea si è poi allargata a macchia d'olio, coinvolgendo l'Acd Magione, la Polisportiva Agello, il Sant'Arcangelo, il Marra San Feliciano, l'AP Magione calcio a 11, l'Asd Collesanto Antria Uisp maschile e calcio a 5 femminile, il San Feliciano Volley, la Polisportiva Magione Volley, Asd Magione paintball e tre società perugine che però offrono corsi anche nella palestra di Ventinella: Cus Perugia karate e corpo libero, Freedance Perugia e Fontivegge Perugia ginnastica artistica. Le società, oltre ad una donazione propria, aprono la raccolta ai loro tesserati, alle famiglie e a tutti i tifosi che vogliono contribuire. Una lunga mano tesa da Magione sino ad Olbia per testimoniare solidarietà e per cercare di dare un aiuto concreto affinché tutti gli sportivi delle associative sportive dilettantistiche di Olbia possano tornare al più presto a praticare sport.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Golfo Aranci