Meridiana Fly su sciopero dipendenti:
"Il futuro dell'azienda è legato ai tagli"

di Antonella Brianda


OLBIA. A poche ore dal sit-in di protesta di alcune decine di dipendenti Meridiana Fly davanti allo scalo aeroportuale di Olbia Costa Smeralda, l'azienda ha affidato ad un comunicato stampa la propria posizione riguardo la questione di 1200 lavoratori che rischiano di essere messi in mobilità. Ancora una volta i vertici della compagnia aerea hanno voluto ribadire che "il futuro dell’azienda è indissolubilmente legato al programma di riduzione strutturale del personale, a suo tempo approvato nel maggio 2011 con tutte le organizzazioni sindacali in ragione della crisi del settore e della conseguente riduzione di capacità, cause che purtroppo non sono venute meno. Tale programma - si legge nella nota - è stato confermato nel dicembre 2012 da tutte le parti interessate ed è stato gestito finora attraverso il ricorso alla cassa integrazione guadagni straordinaria e al fondo speciale del trasporto aereo". 

Se quanto affermato non dovesse bastare, a fare comprendere appieno che Meridiana porterà avanti la sua linea di taglio del personale, quanto segue nella nota, non lascerà spazio a dubbi o supposizioni: la compagnia, infatti, comunica che si proseguirà nell'attuazione "del piano di radicale trasformazione e turnaround dell'azienda, confortato dai risultati in netto miglioramento registrati negli ultimi dodici mesi e pienamente sostenuto con impegno da tutta la struttura organizzativa, dal team manageriale, dal consiglio di amministrazione e dall'azionista AKFED. Si conferma l'obiettivo del pareggio operativo nel 2014". 

Inoltre, l'azienda ha voluto comunicare che "lo sciopero indetto per oggi da alcune organizzazioni sindacali non ha avuto alcun impatto sulle operazioni della compagnia, con adesioni limitate a circa trenta persone. I voli sono stati regolari con un singolo caso di ritardo legato allo sciopero. In sede di programmazione la Compagnia ha preventivamente cancellato due voli in via cautelativa per minimizzare il rischio di disagi per i propri clienti, che sono stati tempestivamente informati", conclude la nota.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA MAÌA