Emanuele Fenu all'Art Port Corner
Fino al 12 gennaio "Stop&Go"


OLBIA. La nuova esposizione dell’Art-Port Corner ritorna alla pittura ospitando il lavoro dell’artista Emanuele Fenu, “Stop&Go”. Il titolo della mostra si adatta perfettamente alla location aeroportuale e sottolinea i ritmi frenetici e la corsa nevrotica del quotidiano, con piccoli accenni alla meccanica quantistica: la teoria secondo la quale esistono tanti universi, uno per ogni soggetto. A colpire sono le scene che l’artista rappresenta: universi e mondi differenti che convivono in equilibrio, ovvero adulti e bambini, donne e uomini, animali e natura con una propria esistenza da preservare. E’ la tecnica che Fenu utilizza però ad affascinare l’osservatore. Con i tinte pastello prepara lo sfondo che dovrà accogliere i personaggi disegnati a penna su carta. La figurazione che egli sceglie è ricca di dettagli, ciascun soggetto si esprime attraverso atteggiamenti tutti perfettamente delineati sul corpo, sui gesti, sulla fisicità che riportano facilmente al carattere.  L’abilità di Emanuele Fenu è quella di contrapporre significati e vite, uniti dalla sua immaginazione, con un risultato interessante sul profilo dell’analisi sociale. La sua rappresentazione è simile ad un puzzle che collega tanti microcosmi e, con una modalità fresca ed efficace, lancia il messaggio alla base di ogni storia che racconta: è necessario fermarsi, osservare il nostro quotidiano, la direzione che stiamo percorrendo e, se necessario, riconfigurare il percorso, aggiungere nuove prospettive anche oltre la nostra visione, e ripartire con più consapevolezza dei limiti individuali, naturali, fattuali.  

“Stop & Go” è un invito a correre per raggiungere un proprio destino, stando nel proprio universo dove, se ci credi, le cose accadono così come le hai prefigurate.  La mostra sarà visitabile tutti i giorni nello spazio dell’Art-Port Corner, al piano terra, ad ingresso libero fino al 12 gennaio 2014.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS