Morto dopo aver mangiato funghi velenosi
La Asl richiama alla prudenza e indica alcune prescrizioni

Ieri, un uomo cagliaritano di 53 anni, a Sassari, è morto dopo aver ingerito dei funghi non distinguendo l'amanita falloide che sfortunatamente gli è stata fatale. Come da protocollo in caso di sospetta intossicazione i sanitari hanno allertato gli ispettori Micologi del Dipartimento di Prevenzione della ASL di Sassari. Dopo un accurato esame di laboratorio dei funghi rimanenti conferiti dai familiari, gli esperti hanno rinvenuto le spore del temibile fungo Amanita phalloides segno evidente di una presenza del fungo. Dal Dipartimento di Prevenzione si richiamano ancora una volta i cittadini e si invitano, quanti abitualmente o occasionalmente raccolgono, ricevano in regalo e/o consumano funghi spontanei, a rivolgersi all’Ispettorato Micologico della ASL di Sassari istituito presso la cittadella sanitaria di Rizzeddu, dove gli esperti Micologi effettuano il controllo gratuito dei funghi destinati all’autoconsumo. I cittadini possono usufruire dei servizi erogati, oltre che nella sede centrale di Sassari in Via Rizzeddu n° 21/B Palazzina “F” aperta lunedì, mercoledì, venerdì dalle ore 12 alle ore 13.30 anche presso le sedi di Alghero in Via Sanzio n° 1 e Ozieri presso gli Uffici del Dipartimento di Prevenzione in Loc. San Nicola, operative il lunedì dalle ore 8.30 alle ore 11."Il controllo risulta importante non solo per la determinazione delle specie raccolte, ma anche per i consigli sul trattamento o la preparazione dei funghi stessi" spiega Pietro Murgia Responsabile dell'Ispettorato Micologico. "Infatti, alcune specie vanno consumate previa prebollitura, altre dopo prolungata cottura, altre ancora si consumano dopo adeguata cottura ma previa asportazione del gambo o della cuticola". Tra le competenze dell’Ispettorato, riveste notevole importanza anche il controllo e la certificazione sanitaria dei funghi spontanei destinati alla vendita o alla somministrazione (obbligatoria per Legge). La ASL di Sassari, invita pertanto gli esercenti (venditori al dettaglio, ristoratori, operatori di agriturismo etc.) a richiedere la certificazione di commestibilità dei funghi spontanei, presso le sedi della struttura, prestazione anch’essa resa gratuitamente. Le prestazioni, nonché le altre attività di competenza dell’Ispettorato, vengono comunque garantite dagli esperti, anche in altri periodi dell'anno e fuori dagli orari di sportello, previo appuntamento telefonico. La ASL di Sassari , inoltre, ha attivato un servizio di pronta disponibilità che chiamando il centralino ASL allo 079/2061000, prevede l'intervento dell'Ispettore Micologo presso la struttura Ospedaliera qualora si rendesse necessario il riconoscimento della specie fungina responsabile della sospetta intossic
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche