L'Isola nel mondo con la Dinamo
Immagine dei giganti di Mont'e Prama
sulle magliette

Presentato questa mattina nella sala conferenze dell'assessorato regionale al Turismo, Artigianato e Commercio, il piano strategico della nuova campagna di promozione e comunicazione con protagonisti i Giganti di Mont'e Prama e il coinvolgimento della Dinamo Basket. 

Presenti l'Assessore al Turismo Francesco Morandi, il consulente dell‟assessorato Antonio Usai, l‟assessore allo Sport e Cultura Claudia Firino, il sindaco di Cabras Cristiano Carrus, la vice soprintendente per i Beni culturali della Sardegna Donatella Mureddu e il presidente della Dinamo Banco di Sardegna Stefano Sardara assieme a coach Meo Sacchetti, Jeff Books, Jack Devecchi, Massimo Chessa, Matteo Formenti, Brian Sacchetti e Manuel Vanuzzo in rappresentanza della squadra biancoblu. 

Il progetto della Regione. Il progetto, ideato dall‟assessorato al Turismo, Artigianato e Commercio, avrà ricadute positive per l‟intero sistema regionale, con particolare interesse per l‟assessorato alla Cutura, per la Soprintendenza per i Beni archeologici e Culturali della Sardegna e per il Comune di Cabras che ospita le statue dei guerrieri pre-nuragici di Mont „e Prama. Rappresenta una operazione di marketing innovativa grazie alla partnership con un canale sportivo ad alto potenziale di penetrazione sul mercato come è la Dinamo Basket. A partire dalla prima gara della Final Eight di Coppa Italia, venerdì 20 febbraio a Desio, la squadra biancoblu indosserà una nuova maglia con l’immagine dei Giganti di Mont ‘e Prama, simbolo della Sardegna, della sua forza e delle sue ricchezze. D’ora in poi sarà questa la divisa ufficiale dei giocatori della Dinamo, “i quali interpretano l‟orgoglio della Sardegna _ dice l‟assessore Francesco Morandi _che trova nelle mega sculture di guerrieri, arcieri e pugilatori la propria identità”. L‟immagine dei Giganti sarà ripresa anche nei banner del Palazzetto di Sassari e di quelli dove sarà di scena il quintetto sassarese insieme ad altri messaggi che promuoveranno la Sardegna nei suoi prodotti territoriali, così come per l‟Expo. 

Francesco Morandi, assessore regionale al Turismo: ”E‟ una giornata importante, presentiamo il nostro piano strategico di promozione e comunicazione per il 2015 con una idea e un progetto nuovi per supportare il posizionamento del prodotto Sardegna sui mercati nazionali ed internazionali. Proponiamo una nuova vision incentrata su "L'isola della qualità della vita", che vedrà nell'Expo 2015 uno straordinario veicolo di comunicazione su tutto il mercato globale con particolare attenzione per i mercati obiettivo. E abbiamo scelto i Giganti di Mont „e Prama come testimonial di eccezione per promuovere il nostro territorio come attrattori culturali da raccontare e da esibire in Italia e nel mondo. Un tematica o 'qualità della vita' declinata in quattro dimensioni qualificanti: la qualità delle produzioni agroalimentari, l'eccellenza ambientale, l'innovazione sostenibile e la longevità.  

Claudia Firino, assessore Sport e Cultura: “ E un progetto davvero importante con cui uniamo il tema della valorizzazione culturale e il turismo e lo stiamo facendo in un modo più forte e innovativo che va al di là della semplice promozione del brand Sardegna, della Sardegna come immagine. Questo in collaborazione fra i nostri assessorati ma anche fra attori diversi che sul territorio che, come la Dinamo, hanno una valenza e un seguito straordinari”. 

Stefano Sardara, presidente della Dinamo Basket. “Per noi il connubio Dinamo-Regione è quanto di più naturale possiamo esprimere, in campo e fuori dal campo. Sono convinto che il nostro prodotto Sardegna debba soltanto essere fatto conoscere e poi va da solo. Noi abbiamo iniziato a portare questo in Italia e all‟estero e abbiamo avuto un gran riscontro che si è trasformato in maniera automatica in promozione: basti pensare alle squadre straniere che vengono in Sardegna a svolgere il loro periodo di preparazione prima dell‟inizio della stagione di campionato”. 






© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA