Riforma enti locali. Concluso il corso di formazione per dirigenti e funzionari

Un percorso di affiancamento e formazione per 80 operatori, dirigenti e funzionari della pubblica amministrazione, in vista del riordino del sistema delle autonomie, è stato attivato dall’assessorato degli Enti locali e del Lavoro insieme all’Anci.

“La Regione ha promosso questo percorso di alta formazione – ha detto l’assessore degli Enti locali Cristiano Erriu – che ha permesso di approfondire tutte le tematiche relative alle Unioni di Comuni. In questo modo funzionari e dirigenti hanno acquisito le competenze per gestire le problematiche organizzative in base alla legge regionale 4 del 2012 che ha introdotto l’obbligatorietà del ricorso alla gestione associata delle funzioni comunali mediante le Unioni di Comuni, Comunità Montane o attraverso le convenzioni”.

Il progetto è stato finanziato con 400 mila euro dall’assessorato regionale del Lavoro, che ha fornito le sedi attrezzate dei Centri regionali per la formazione professionale (Crfp)  di Cagliari, Oristano, Nuoro, Sassari e Olbia-Tempio.

L’Anci Sardegna, d’intesa con l’assessorato degli Enti locali, ha provveduto alla scelta dei docenti, dirigenti e funzionari dell’associazione dei Comuni, esperti del settore, che si sono alternati nelle 5 sedi concorsuali e nei 5 moduli previsti per un totale di 250 ore comprensive di due stage: uno conoscitivo di 15 ore, il secondo esplicativo di 50 ore.

Durante lo stage formativo si è parlato di Enti locali nel nuovo assetto istituzionale e di piccoli Comuni, degli strumenti e delle procedure per la gestione associata dei servizi e delle funzioni. Importante anche il tema della comunicazione interna ed esterna nei processi innovativi tra soggetti politici, dipendenti, cittadini e imprese.

Ancora, si è discusso di contenuti dell’agenda digitale locale, competenze digitali all’interno della pubblica amministrazione, sviluppo del territorio in rete, vocazioni locali, programmazione strategica e reperimento delle risorse.

Il percorso formativo. Di grande importanza lo svolgimento dello stage conoscitivo di 15 ore che si è tenuto in cinque Unioni di Comuni delle Regioni della penisola dove l’associazionismo è una realtà consolidata: (Unione della Tremezzina (CO) - Unione di Comuni Terre di Frontiera (CO) - Unione di Comuni della Bassa Reggiana (BO) - Unione di Comuni Reno Galliera (BO) - Unione di Comuni della Valdera (PI).

“Gli amministratori dei Comuni delle Unioni ospitanti lo stage - ha sottolineato l’esponente della Giunta Pigliaru - hanno testimoniato l’importanza della strada percorsa nel territorio per giungere alla conclusione di quanto sia conveniente la gestione associata delle funzioni comunali per i cittadini, per lo sviluppo sostenibile del territorio, per il contenimento dei costi dei servizi stessi, al fine di raggiungere scopi e obiettivi condivisi”.

Lo stage applicativo di 50 ore ha concluso il percorso formativo nel quale i corsisti, organizzati in gruppi, sono stati invitati a predisporre un elaborato analitico e propositivo per lo svolgimento delle funzioni associate nelle Unioni di Comuni. Ogni gruppo ha prodotto una sorta di vademecum finalizzato all’incremento dell’efficienza ed efficacia dei servizi e delle funzioni associate e alla valorizzazione delle rispettive vocazioni e potenzialità territoriali.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Golfo Aranci