Mura incontra I pescatori turritani. Una commissione comunale affronterà i problemi del settore

“La pesca è uno dei settori più importanti della nostra economia. È una filiera che deve essere valorizzata anche nell’ottica del rispetto dell’ambiente”. Luciano Mura, candidato Sindaco della coalizione di centro sinistra e sovranista, ha voluto illustrare le strategie e le politiche rivolte al comparto ittico nel corso di un incontro con i rappresentanti delle associazioni della pesca e i professionisti del settore turritano. Un confronto che, insieme agli altri appuntamenti elettorali già organizzati e a quelli che seguiranno nelle prossime settimane, intende evidenziare risorse, criticità, soluzioni e proposte per il rilancio di Porto Torres.
Nella sede della coalizione, in corso Vittorio Emanuele  23, Mura ha ospitato il Presidente Copega, Salvatore Amoroso e l’operatore della pesca, responsabile provinciale Agci Agital, Gianni Pintus. Tra gli argomenti  sollevati dai pescatori: le problematiche legate all’utilizzo e alla spendita dei fondi europei, i riposi biologici, il ripopolamento del nostro mare. Questioni che richiedono un intervento deciso da parte della regione, ma anche il Comune è chiamato a fare la propria parte riguardo le tematiche ambientali legate alla pesca nel Golfo dell’Asinara, sia per quanto concerne il futuro del mercato ittico che per  la regolamentazione degli spazi del porto da adibire all’ormeggio. Si è parlato anche dell’istituzione della commissione consiliare allargata ai rappresentanti delle categorie ma anche della necessità di affidare una delega ad hoc per affrontare i problemi della pesca. Su questo argomento Mura ha voluto assumere da subito un impegno preciso. “L’allargamento delle commissioni ai rappresentanti di categoria sarà uno dei primi atti da Sindaco – ha detto Mura - mentre ad un consigliere comunale darò il compito e la delega per affrontare i problemi della pesca. È necessario poi istituire e convocare da subito un tavolo di confronto e di lavoro con i lavoratori del comparto ittico per trovare soluzioni adeguate e condivise per il rilancio del settore. In pratica intendiamo riprendere il percorso interrotto negli ultimi cinque anni dall’amministrazione Scarpa, attraverso l’istituzione della commissione comunale sui problemi della Pesca per coinvolgere direttamente gli operatori del settore”. Ma non basta. Per Luciano Mura servono anche ulteriori interventi e attenzioni. “Il sostegno alla pesca passa anche attraverso la costituzione del Distretto produttivo locale del mare in cui coinvolgere le imprese che lavorano in tutta la filiera. Ritengo inoltre che si debba lavorare per promuovere, valorizzare ma anche tutelare e proteggere la produzione ittica del Golfo dell’Asinara. Bisogna prestare un’attenzione particolare ai controlli per rimuovere e prevenire le fonti di inquinamento. Per troppo tempo – ha aggiunto Mura  - la pesca locale è stata danneggiata da immagini negative. Io sono convinto che invece si debba lavorare insieme e d’intesa con gli altri comuni rivieraschi per creare un sistema per la promozione del pescato del golfo dell’Asinara e per  la realizzazione di un marchio di Denominazione di Origine Controllata e una IGP. Tutto ciò per meglio valorizzare il pescato del nostro mare nel mercato locale, extraregionale, nazionale e mondiale.” Sul ripopolamento della fauna ittica, oltre al posizionamento di barriere di ripopolamento, Mura ha sottolineato la necessità di coinvolgere il mondo dell’Università e della ricerca per intervenire, in particolare nei periodi di fermo biologico, con nuove modalità di rigenerazione della fauna ittica. Categorico sul mercato ittico. “Il cantiere deve essere portato a conclusione. Quella struttura deve diventare un centro polivalente a supporto delle attività legate alle attività della pesca e alla formula del mercato al dettaglio. Per fare questo serve un intervento di concerto con la Regione e con l’Autorità Portuale, per riprogrammarne le funzionalità, reperire le risorse necessarie e concludere i lavori sulla struttura, da mettere in tempi breve a disposizione del settore della pesca”.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS