Golfo Aranci

Furto nell'asilo di via Botticelli
LA Uil Fpl chiede più sicurezza nella struttura

OLBIA. Il coordinatore territoriale della Uil Fpl Gallura ha espresso forti perplessità sulla gestione della sicurezza in città a Olbia. Testoni prende spunto dall'ultimo fato di cronaca che ha visto l'ennesimo furto ai danni dell'asilo nido di via Botticelli per riportare al centro la carenza di uomini delle forze dell'ordine e di controllo sul territorio. In questo caso poi, secondo Testoni, è in gioco l'incolumità dei bambini che soggiornano in un luogo non sicuro e privo di sistema d'allarme. Ecco la nota stampa della Uil nella sua forma integrale.

"Apprendiamo dagli organi di stampa dell'ennesimo furto subito dall’Asilo Comunale di via Botticelli (praticamente sempre lo stesso). Costernati dell’accaduto, la presente per segnalarVi il disappunto di questa Organizzazione Sindacale sulla leggerezza con cui viene recepita la notizia, ogni volta che si è avverato il fatto malavitoso (e siamo al 12°/13° dal 2010 – così riportato nelle cronache di stampa). I furti sono avvenuti in un arco temporale che abbraccia tutto l’anno solare. Questo non per sminuire l’effetto prodotto dalla mancanza di 25 agenti di Polizia Locale stagionali – che hanno terminato il contratto a tempo determinato il 19/11 – e ripetuto ormai ogni volta fino alla nausea, anzi, ma per evidenziare che anche una carenza strutturale dell’immobile, privo di un sistema d’allarme e di telecamere ed isolato, è facile preda dei malintenzionati. 

La mancanza di fondi e l’impossibilità di poter spendere soldi per la sicurezza dovrebbero soccombere quando viene messa a rischio l’incolumità dei bambini e delle lavoratrici costrette ad operare in situazioni di estremo rischio: non si sa chi compia l’infrazione, se portatore di malattie infettive o meno; non si sa cosa toccano o cosa fanno costringendo, ogni volta, ad una sanificazione degli ambienti lavorativi; prelevando forse, anche effetti personali dei bambini da utilizzare durante l’attività ludica. 

Non volendo cadere nel facile marketing - ormai sono presenti sul mercato forme di controllo remoto offerto da varie compagnie di vigilanza a prezzi di mercato accessibili – e suggerendo facili soluzioni, crediamo che via Botticelli merita più attenzione in termini di sicurezza. 

Lo dovete alle lavoratrici e ai Genitori; devono vedere in quello stabile un luogo sicuro dove poter operare in serenità le prime e poter portare i bambini destinatari del servizio i secondi. 

Unendoci alle lamentele dei genitori e degli operatori degli Asili Nido rimaniamo in attesa di conoscere le intenzioni dei destinatari della presente in merito alla messa in sicurezza dell’immobile ritenendo la mancanza di sicurezza una preoccupante disfunzione".


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

Golfo Aranci