Vertenza Meridiana un alto mare
I sindacati chiedono alla società di rispettare gli impegni presi

OLBIA. Meridiana sbaracca per favorire Air Italy? Secondo i sindacati Meridiana da cinque anni a questa parte continua a perder pezzi a favore della più "snella" Air Italy. La vertenza che vede a rischio centinaia di posti di lavoro è ancora in alto mare lo dimostra l'ultima nota stampa della Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Uglt, Anpav e Apm che nella nota stampa che pubblichiamo nella sua forma integrale fanno il punto della situazione sulla vertenza.

"Da cinque anni in Meridiana si sta perpetrando una illecita operazione di 'dumping interno' che ha comportato il travaso di tutti i più importanti e strategici asset operativi dalla compagnia madre alla controllata Air Italy.
Questa deleteria impostazione industriale ha dato vita ad un malsano dualismo aziendale che impedisce ogni tentativo di rilancio di Meridiana, rende inefficaci tutte le soluzioni finora concertate con le Organizzazioni Sindacali e soffoca alla base ogni potenziale opportunità per ridimensionare il dichiarato, abnorme numero di lavoratori Meridiana dichiarati in esubero. 

Le basi operative di Verona e Milano, drenate degli storici e redditizi voli, sono ridotte all'agonia operazionale e al 'fermo operativo'. Le basi operative ubicate ad Olbia e Cagliari subiscono anch'esse i nefasti effetti di tale auto-lesionistica azione, ridotte ad offrire pochi e sparuti collegamenti con il Continente, voli residuali non trasferiti ad Air Italy o ancora non soppressi. Nel contempo Ryan Air dichiara di abbandonare i collegamenti da/per la Sardegna e l'inerzia del management non coglie l'opportunità di rilancio in Sardegna. 

Il 30 aprile 2015 Meridiana ha sottoscritto presso la sede istituzionale del Ministero dello Sviluppo Economico, alla presenza del Ministero del Lavoro e del Ministero delle infrastrutture e dei Trasporti, l'importante accordo quadro con le Organizzazioni Sindacali Nazionali che le ha permesso di accedere all' ulteriore anno di finanziamento degli ammortizzatori sociali (il quinto). 

Punto chiave dell'accordo e' costituito dalla definizione delle linee guida per dare il via al rilancio industriale del Gruppo Meridiana e in tale massimo contesto istituzionale Meridiana si era impegnata a sviluppare e condividere con le Organizzazioni Sindacali, responsabilmente impegnatesi, un Piano di risanamento aziendale che offrisse una prospettiva ai 1357 lavoratori dichiarati in esubero e che da ormai quasi cinque anni strenuamente sono impegnati a difendere la propria azienda e i propri posti di lavoro. 

È allarmante constatare come ad oggi Meridiana abbia totalmente eluso gli impegni intrapresi, evitato il confronto con le parti sociali, attuando una continua e irresponsabile serie di azioni unilaterali volte a delegittimare le rappresentanze sindacali e a calpestare i più elementari e sacrosanti diritti dei lavoratori, tese finanche a screditare le Istituzioni Nazionali impegnatesi nella difficilissima gestione di questa lunga vertenza. 

Le scriventi Organizzazioni Sindacali non intendono oltremodo tollerare il comportamento che Meridiana sta insistentemente perseguendo, risultando inadempiente verso tutti gli accordi sottoscritti finora con le Organizzazioni Sindacali, sfacciatamente irriguardoso degli impegni assunti finanche presso le massime sedi istituzionali, tendente infine alla sleale mortificazione e umiliazione degli stessi lavoratori Meridiana, costantemente esclusi da tutte le iniziative interne che offrano l'opportunità di lavoro e partecipazione attiva al tanto sperato rilancio della propria azienda. 

In questi giorni si sta consumando l'ennesimo intollerabile atto.
Meridiana ha annunciato una serie di nuove imminenti destinazioni intercontinentali che saranno servite dall'aeroporto di Verona: La Romana, che vedrà il volo inaugurale il 19 dicembre, a seguire, L'Avana e Cancun, Mombasa e Zanzibar. Questa nuova attività, che sarà operata ancora una volta esclusivamente dalla controllata Air Italy, si aggiunge ai voli storici pre-esistenti, già sottratti all'operativo di Meridiana a favore della controllata, operati con aerei ed equipaggi Air Italy ed escludendo ineluttabilmente da ogni possibilità di coinvolgimento il personale di Meridiana.
Per la prima volta nella propria storia Meridiana opererà collegamenti di lungo raggio dall'aeroporto scaligero, lo stesso aeroporto che Meridiana (non la controllata Air Italy) ha contribuito a far crescere 

 

negli ultimi 25 anni, arrivando a posizionarvici una base operativa stabile 20 anni orsono, dove circa 200 lavoratori Meridiana ancora risiedono e restano posizionati in attesa di rientrare dalla CIGS e riappropriarsi del proprio sacrosanto lavoro.
Si rasenta la provocazione se consideriamo che solo tre mesi fa l'azienda ha indotto dei lavoratori di detta base a trasferirsi sulle basi sarde pur di rientrare nel ciclo produttivo e uscire dalla condizione perpetua di CIGS. 

Le Organizzazioni Sindacali scriventi hanno finora responsabilmente messo in campo tutti gli strumenti possibili per gestire questa vertenza. L'obiettivo resta il rilancio della Nostra Compagnia aerea e la salvaguardia dei livelli occupazionali.
Si conclama pero' un fatto inoppugnabile: impari e' il confronto e sarà impossibile trovare delle soluzioni finché non sarà neutralizzata la sleale concorrenza che internamente e' operata ad arte attraverso la controllata Air Italy". 


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA