I valori dell'acqua sono nella norma
A Olbia revocato il divieto di utilizzo dell'acqua

OLBIA. Il sindaco di Olbia, Gianni Giovannelli, con un'ordinanza ha revocato il divieto di utilizzo per fini alimentari dell'acqua in tutto il territorio comunale di Olbia.  Il risultato delle analisi effettuate dalla Asl.n°2 di Olbia e consegnate questa mattina al comune certificano i valori nella norma. Riportiamo l'ordinanza nella sua forma integrale.

"ORDINANZA N° 230 DEL 15/12/2015 

OGGETTO: Revoca Ordinanza sindacale n. 217 del 27/10/2015 relativa al divieto di utilizzo ai fini alimentari dell’acqua erogata in tutto il territorio comunale di Olbia. 

IL SINDACO 

VISTA l’Ordinanza Sindacale n. 217 del 27/10/2015 con la quale si ordinava il divieto dell’utilizzo ai fini alimentari dell’acqua erogata in tutto il territorio comunale di Olbia, in quanto non idonea per gli usi potabili e per l’incorporazione negli alimenti per via del superamento del valore di parametro per il manganese, (provvedimenti concernenti le acque destinate al consumo umano ai sensi del D. Lgs. 31/2001) 

PRESO ATTO della comunicazione trasmessa in data 15/12/2015 prot. PG/2015/51349 dall’Azienda Sanitaria Locale n° 2 di Olbia – Dipartimento di prevenzione - con la quale si evidenzia che dagli esiti effettuati dall’ARPAS di Sassari sulle acque prelevate in data 09/12/2015 nei seguenti punti di prelievo: 

SSR47400 – RN Cont Via Meucci, 10 Olbia;
SSR4744 – Rub. Cont Via M. Polo Olbia;
SSR47110 – RN Cont Vetreria Bonannini, Via Malta Olbia; SSR47500 – RN Cont Isola Bianca Olbia;
SSRROL1 Rub. Rotatoria Aeroporto, Olbia 

emerge la rispondenza delle acque ai valori di parametro fissati dall’allegato I del D. Lgs. 31/2001 per tutti i punti di prelievo, escluso il punto di prelievo relativo al rubinetto rotatoria aeroporto, per il quale è stato accertato il superamento dei parametri THM (come indicato nella comunicazione dell’ Azienda Sanitaria Locale n° 2 di Olbia dell’11/12/2015 Prot. PG/2015/50989); 

RICHIAMATO l' art. 2 comma 1 lett. a) del Decreto legislativo 2 febbraio 2001, n. 31 “Attuazione della direttiva 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano” secondo il quale: per acque destinate al consumo umano si intendono quelle trattate o non trattate, destinate ad uso potabile, per la preparazione di cibi e bevande o per gli altri usi domestici, a prescindere dalla loro origine, siano esse fornite tramite una rete di distribuzione, mediante cisterne, in bottiglie o in contenitori; 

VISTA pertanto la necessità di adottare il provvedimento di revoca dell’Ordinanza Sindacale n. 217 del 27/10/2015 che stabilisce il divieto dell’utilizzo ai fini alimentari dell’acqua erogata in tutto il territorio comunale di Olbia ad esclusione della zona riconducibile a quella dell’aeroporto Costa Smeralda ed a quella dell’area commerciale limitrofa; 

VISTO l’Art. 50, comma 5 del D. Lgs. 267/2000 che sancisce che in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale le ordinanze contingibili e urgenti sono adottate dal Sindaco, quale rappresentante della comunità locale; 

Ordinanza del Sindaco N. 230 del 15/12/2015 Pagina 1 di 2 

VISTO l’art. 10 del D. Lgs. n. 31/2001 e ss.mm.ii. ORDINA 

Per i motivi citati la revoca dell’Ordinanza Sindacale n. 217 del 27/10/2015 di divieto dell’utilizzo ai fini alimentari dell’acqua erogata in tutto il territorio comunale di Olbia ad esclusione della zona riconducibile a quella dell’aeroporto Costa Smeralda ed a quella dell’area commerciale limitrofa; 

DISPONE 

Che la presente ordinanza venga trasmessa in copia: 

  • -  Al Comando di Polizia Municipale;
  • -  Alla Società Abbanoa Spa sede di Olbia;
  • -  All’Azienda Sanitaria Locale n. 2 di Olbia;
  • -  Agli organi di stampa per la diffusione alla cittadinanza;
  • -  Al Ced del Comune di Olbia per la pubblicazione sul Sito Istituzionale dell’Ente;
  • -  All’Ufficio Messi Comunali per provvedere alla pubblicazione della presente ordinanza all’Albo Pretorio on line.
    Che avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso giurisdizionale al Tribunale Amministrativo Regionale della Sardegna entro 60 giorni, oppure ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni, termini tutti decorrenti dalla data di pubblicazione del presente provvedimento all’Albo Pretorio on line dell’Ente.
    Olbia, 15/12/2015
    Il Responsabile di Procedimento
    Il Sindaco
    On. Giovanni Maria Enrico Giovannelli."


   


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS