Piazza devastata a Buddusò da vandali
I responsabili invitati dal sindaco hanno ripulito tutto

Si sono scusati, hanno ripulito tutto e il sindaco li ha nominati Padrini del verde del centro cittadino
di Davide Mosca
OLBIA. Fioriere distrutte, bottiglie di vetro frantumate per terra, la piazza centrale di Buddusò invasa da rifiuti e devastata da alcuni vandali. E' stato questo il brutto risveglio della cittadina gallurese all'indomani dei festeggiamenti di capodanno. Il sindaco, Giovanni Antonio Satta,  davanti a quello spettacolo ha condannato duramente il gesto definendolo insensato, incivile e di una stupidità assoluta. Ma dalle parole si è passati ai fatti e così Satta ha invitato i "teppisti", tutti minorenni responsabili del gesto di recarsi il lunedì seguente davanti al comune alle 8 per rimediare a quanto fatto. E così è stato, dopo aver riflettuto sulla questione, stamane puntuali come un orologio svizzero alcuni ragazzi del paese si sono presentati per ripulire insieme agli incaricati del comune la piazza. Prima di farlo, però, il primo cittadino ha invitato i ragazzi in comune dove il sindaco li ha nominati "Padrini" del verde del centro cittadino. 

I ragazzi hanno chiesto scusa e si sono pentiti per il gesto, da oggi saranno loro a vigilare e a prendersi cura in parte del centro storico.  "Potevo rivolgermi ai carabinieri -ha commentato Satta-, ma non avevamo bisogno di un atteggiamento punitivo, ma è necessario coinvolgere i ragazzi per fargli capire l'importanza della cura del nostro territorio e del nostro paese con un gesto che ci aiuti tutti a crescere". La notte brava dunque è ora messa da parte e Buddusò riparte nel nuovo anno, il 2016, con l'impegno promesso dei propri ragazzi.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA