Colletta social per comprare Budelli
L'Ente Parco commenta l'iniziativa dei ragazzi di una scuola

OLBIA. Dopo la marcia indietro del magnate neozelandese Harte nell'acquisto dell'Isola di Budelli i ragazzi di una scuola media di Mosso nel Biellese hanno lanciato una campagna social per fare una colletta e comprare il paradiso sardo. E in tanti, da tante altre scuole italiane, da sud a nord, hanno aderito all'iniziativa con grande soddisfazione dell'Ente Parco, dell'amministrazione comunale e di tutti i maddalenini. 


"Abbiamo accolto con estremo entusiasmo l’iniziativa -ha commentato Giuseppe Bonanno, presidente del Parco- promossa dai ragazzi della II B della Scuola media di Mosso, che rappresenta un momento di consapevolezza per il futuro dell’Isola di Budelli e più in generale sviluppa un senso di appartenenza e la volontà di farsi promotori della tutela delle ricchezze e particolarità italiane. Un’iniziativa lodevole in linea con quanto l’Ente Parco ha da sempre voluto e progettato per l’Isola simbolo dell’Arcipelago di La Maddalena: una proprietà diffusa e pubblica, che renda il patrimonio ambientale un valore per tutti e non un beneficio di pochi. Particolarmente significativo è il livello di consapevolezza, messo in campo dai ragazzi lanciando questa iniziativa. In attesa degli sviluppi legati al procedimento giudiziario in corso da parte del Tribunale di Tempio per l’assegnazione della piena proprietà dell’Isola, possiamo assicurarVi che l’Ente Parco proseguirà lungo il percorso intrapreso in questi anni, cercando di acquisire Budelli al patrimonio Pubblico, attraverso le risorse finanziarie messe a disposizione con l’approvazione dell’emendamento alla Legge finanziaria 2014.

L’Ente Parco sosterrà, comunque,  la Vostra iniziativa e si adopererà al fine di trovare strumenti per rendere possibile a Voi, e a tutti quanti sottoscriveranno la Petizione, la visita dell’Isola di Budelli e dell’intero Parco. La volontà espressa dai giovani cittadini restituisce speranza rispetto a quella che è la nostra idea di valorizzazione del territorio. Il Crowdfunding promosso e posto all’attenzione dell’opinione pubblica potrebbe, in ogni modo rappresentare una garanzia, oltre che per l’acquisto, anche per istaurare un modello di gestione diffusa che trasformerebbe l’Isola di Budelli in un laboratorio permanente di educazione ambientale e di gestione partecipata, i cui primi attori e protagonisti sarebbero i ragazzi. Proporrò al Consiglio dell'Ente la realizzazione di un gemellaggio permanente tra il Parco e la Vostra scuola".


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA