Maxi truffa all'Inps da 4 mln di euro
Arrestato anche un imprenditore residente a Olbia

Guarda il VIDEO dell'operazione in fondo all'articolo

OLBIA. I militari del Comando Provinciale di Foggia, all’esito di articolate indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, hanno individuato e disarticolato una radicata organizzazione criminale dedita alle frodi ai danni dello Stato e al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Le indagini – connotate da attività investigative classiche unite ai più moderni strumenti tecnici (intercettazioni telefoniche, ambientali e telematiche) - hanno permesso di acquisire fondati elementi di prova relativi ad un sodalizio criminale, con base nella provincia di Foggia. Ma questa mattina anche la Guardia di Finanza di Sassari è entrata in azione su ordinanza della procura foggese per arrestare un imprenditore di Perfugas, 55enne, che però abita a Olbia. A suo carico penderebbe l'accusa di aver agevolato l'ingresso in Italia di clandestini. In tutta Italia sarebbero state arrestate 24 persone.


In particolare, l’organizzazione per perseguire le proprie finalità illecite si è avvalsa di una “componente tecnica” che ha provveduto al reperimento di imprese inattive, ovvero in fase di liquidazione, poi intestate ad affiliati dell’organizzazione o, in alcuni casi, con la promessa di un posto di lavoro, a soggetti in forte difficoltà economica.

Dopo aver attribuito alle stesse una parvenza di regolarità contabile, l’organizzazione procedeva all’assunzione di “falsi dipendenti” compiacenti, interessati ad ottenere le citate indennità di natura assistenziale e/o la regolarizzazione della presenza nel territorio italiano qualora extracomunitari non in regola.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA