Defibrillatori nei campi sportivi
Piro, Forza Olbia presenta mozione in consiglio comunale

OLBIA. I defibrillatori si sa salvano le vite. Ancor di più in situazioni a rischio come i campi sportivi dove c'è una concentrazione maggiore di sportivi e praticanti. A Olbia la situazione è in divenire, perché non tutti ne sono provvisti o comunque manano gli addetti e i costi di formazione sono relativamente alti. Il capogruppo di Forza Olbia, Marco Piro, ha chiesto con una mozione al consiglio comunale un intervento in bilancio per trovare le risorse necessarie per fornire ogni impianto sportivo pubblico, palestre, scuole e campi di defibrillatori automatici e di provvedere alla sottoscrizione con la Asl locale di un accordo economico per sostenere i corsi di formazione degli addetti. 


"Dal 1 gennaio 2016, vige l’obbligo di legge di dotare -ha dichiarato Piro- ogni impianto sportivo (e non solo) di un defibrillatore e di individuare dei responsabili di primo soccorso.

Molte società sportive cittadine hanno provveduto all’acquisto della strumentazione salvavita in autonomia, mentre atre società si sono unite quotandosi per effettuare l’acquisto, altre invece alla data odierna ne sono sprovviste.Oltre alle spese per l’acquisto che vanno da 5oo a 1200 euro, c’è l’obbligo della formazione del personale addetto all’utilizzo, il cui corso, tenuto dall’ASL, ha un costo pro capite  di 120 euro,  e gli addetti all’utilizzo del DAE per ogni società sportiva, in genere sono due o tre.

Il problema che si sta rilevando che molte società sportive che hanno acquistato il DAE, quando finiscono la propria attività lo portano via con sè, e le società che magari usano successivamente lo stesso impianto sportivo, ne sono prive.

Situazione più delicata è la quella riguardante le palestre scolastiche, che oltre ad ospitare le società sportive che in genere sono dotate di DAE, la mattina sono occupate dalle attività ginniche degli alunni della scuola stessa, senza la presenza del DAE e senza la presenza dell’addetto al suo utilizzo".


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA