Il Gac incontra gli operatori della pesca a Olbia

OLBIA. Obiettivo centrato: essere operativi sul territorio e coinvolgere i partner del Gruppo di azione costiera con un grande progetto unitario che coinvolge tutto il nord Sardegna. Dare concretezza ad azioni di sistema per far crescere la pesca nel nord Sardegna. Un progetto già iniziato e che ha dato importanti frutti, ma che non può e non deve finire perché la pesca resta un elemento di assoluta rilevanza nel panorama economico del nostro territorio.

Così il Gruppo di azione costiera del nord Sardegna ha rilanciato le sue azioni di relazione e attività pianificando una serie di incontri per la realizzazione del Piano d'Azione costruito secondo le procedure CLLD dello Sviluppo locale partecipato.
Con questi presupposti, si è tenuto a Olbia, nella sede dell' Area Marina Protetta di Tavolara, l’incontro operativo ideato per favorire la più ampia partecipazione dei partner, e delineare il piano d’azione dei prossimi anni. Vi hanno preso parte gli attori principali del sistema- non solo pescatori ma anche mitilicoltori e ostricoltori - a dimostrazione che il Gruppo di Azione Costiera ha creato una solida base aggregativa per sostenere i pescatori. Che vogliono e devono crescere delineando strategie e buone pratiche.

Un metodo  che cresce in tutta Europa: saranno ben trecento i gruppi di azione costiera a livello comunitario. E Olbia ha dimostrato interesse a far parte del Gac
" Il Gruppo di azione costiera del nord Sardegna ha dimostrato nelle azioni passate la qualità delle sue finalità e del suo operato - sottolinea il presidente del Gac, Benedetto Sechi – e il fatto che anche Olbia con le sue imprese entri a farne parte, rafforza le azioni del nostro sistema. Per noi è stato importante “sbarcare” sulla costa orientale e chiudere un cerchio che inizia da Bosa e termina a San Teodoro. Siamo riusciti a coinvolgere non solo i pescatori, ma anche le aziende di produzione e allevamento, il che dimostra che il Gac è di fatto uno strumento di promozione e valorizzazione di tutto il settore e che farne parte rafforza il sistema.”

L’incontro organizzato in collaborazione con l’Agenzia LAORE Sardegna, ha visto l’analisi di Carlo Ricci di FARNET, la rete europea dei GAC/FLAGs, per lavorare sul percorso di progettazione partecipata (CLLD – Community Led Local Development). All’incontro  sono intervenuti Augusto Navone, Direttore dell'AMP di Tavolara, il Prof. Nicola Sechi per l'Università di Sassari, Mauro Monaco, Presidente del Consorzio Molluschicultori di Olbia, il Sindaco di Santa Teresa Gallura,  Stefano Pisciottu con l'Assessore Stefania Taras, la Responsabile del Settore Ambiente del Comune di Palau Celeste Meloni e Filippo Sanna, Direttore di AGCI Gallura. Alcune assenze sono state giustificate dall’emergenza incendi.
Si è trattato di uno step importante e condiviso visto termine ultimo per la presentazione del Piano di Azione alla Regione Sardegna, fissato per il prossimo 15 settembre 2016.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS