Strategie di sviluppo Nord Sardegna
Conclusa positivamente l'assemblea

OLBIA. Giornata di progettazione partecipata il 1 settembre 2016 per il GAC/FLAG Nord Sardegna: conclusa positivamente l'Assemblea del Partenariato, con l'approvazione, all'unanimità, della SSL -Strategia di Sviluppo Locale , con la definizione delle linee guida del Piano d'Azione .
L'assemblea si è tenuta presso la sede di Promocamera a Sassari, a conclusione di un percorso di progettazione partecipata, condotto con l'approccio CLLD, che ha visto in pochi mesi, a partire da maggio 2016,  20 incontri tenuti dal GAC/FLAG in preparazione della strategia territoriale di sviluppo, con tutte le categorie di portatori di interesse locali, nel territorio dell' area del GAC/FLAG: identificazione dei problemi, indicazione delle soluzioni, scelta delle priorità e definizione del budget, un lavoro condiviso e partecipato attivamente da partner della prima ora del GAC /FLAG e dai nuovi arrivati, accolti con entusiasmo dal partenariato e subito ben ambientati nel metodo di lavoro e contagiati dalla voglia di costruire insieme.

Il primo adempimento dell’Assemblea era stato quello di riconvocare l’Assemblea straordinaria, prevista per il 1 settembre 2016 e non costituita per mancanza del numero legale, calendarizzata nuovamente per il giorno 12 settembre 2016, presso un luogo simbolico per il GAC/FLAG come il Museo del Mare di Porto Torres.
Il Presidente del GAC/FLAG Nord Sardegna, Benedetto Sechi: ”Molte e importanti sono infatti  le  novità nella composizione del partenariato, e molti ed importanti sono stati gli interventi nel dibattito dei rappresentanti del partenariato che operano in Gallura” Mauro Monaco, Presidente del Consorzio Molluschicoltori di Olbia, sottolinea  la necessità di impegnare spendere le risorse il più in fretta possibile. Gavino Soggia, Presidente di Confcooperative Sassari Olbia, esprime una valutazione positiva  sulla strategia, con risorse finalizzate alle aziende del territorio.  Roberto Savarino, Presidente di Federcoopesca Sardegna e componente del Consiglio Direttivo del FLAG Nord Sardegna, apprezza  la strategia ed i risultati ottenuti,  con  percorso partecipativo che ha mostrato i risultati in termini di obiettivi e di azioni, Carmine Vitiello, pescatore,  e  Assessore del Comune di  Trinità d’Agultu con delega alla pesca,    chiede al FLAG Nord Sardegna  di  fare da filtro per le problematiche  dei pescatori e facilitandone l’aggregazione
Filippo Sanna, Direttore dell’AGCI Gallura, nuovo ingresso nel FLAG, apprezza la  modalità operativa della progettazione  partecipata, con  la collaborazione con le altra realtà territoriali, un metodo cooperativo che funziona.
Giampiero Palitta Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Olbia, ritiene che il GAC/FLAG Nord Sardegna possa diventare una cabina di regia per la realizzazione di azioni infrastrutturali; si impegna anche a fare un’azione di convincimento per l’ingresso del Comune di Golfo Aranci nel Partenariato del GAC/FLAG Nord Sardegna. 
Stefania Taras, Assessore al Turismo del Comune di Santa Teresa Gallura, ricorda di aver coinvolto il FLAG a in manifestazioni pubbliche e rassegne per promuoverlo; ricorda che S. Teresa prima della fine dell’anno avrà la sua Area Marina Protetta, il cui lungo iter si è concluso proprio grazie all’aiuto dei pescatori, che all’inizio erano invece contrari
Raffele Lecca, Presidente Regionale ALPAA, nuovo entrato nel FLAG, vede per il FLAG un ruolo accompagnamento alle imprese nella partecipazione ai bandi FEAMP; pone l’accento sulla necessità di infrastrutturazione per il sistema della pesca
Gianfranco Altea, Assessore al Bilancio, Servizi alle Imprese e Ambiente del Comune di Badesi,  ritiene che la funzione del FLAG come attrattore di risorse anche per le infrastrutture sia importantissima, vorrebbe proseguire lo sviluppo del progetto sulle “Foci del Coghinas”

Il Presidente Sechi: “Sono in tutto 16  i nuovi partner ammessi oggi nel partenariato, con il risultato di una nuova area territoriale che va da Bosa a San Teodoro: sono  prevalentemente imprese di pesca ed acquacoltura del comune di Bosa, San Teodoro ed Olbia, e in questo modo il partenariato acquisisce una identità più marcata ed aderente al profilo della filiera ittica; il FLAG propone azioni di sistema, che indicano alle comunità locali una strada in grado di sviluppare l’intera filiera; e, per rimanere in tema di filiere, sono molto attivi i contatti con quella agroalimentare, con attività di cooperazione con diversi partenariati:  Partenariato GAL NGSB (Nuorese Gennargentu Supramonte Barbagia), CIPNES Olbia per il  Progetto INSULA, Unione Comuni Alta Gallura e GAL Alta Gallura”

Il FLAG ha appena stipulato un accordo di cooperazione tra i GAC/FLAG Nord Sardegna e Sardegna Orientale, che  consentirà di avere una strategia comune, anche di partecipazione ad altri bandi , oltre alle risorse messe a disposizione dal FEAMP,  come ad esempio la formazione professionale.
La forza del GAC/FLAG risiede nella varietà e qualità dei suoi partners, espressione delle imprese private, della pubblica amministrazione e della società civile: imprese di pesca e acquacoltura, Aree parco e Aree marine protette, Comuni e Associazioni di Categoria
Presenti all’Assemblea i tecnici dell'Agenzia LAORE Sardegna, che supporta il percorso di progettazione partecipata dei GAC/FLAG in Sardegna fin dal suo inizio.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA MAÌA