Agostinangelo MarrasAgostinangelo Marras

Assistenza scolastica ai bimbi disabili
Servizio partito in anticipo rispetto agli atri anni a Olbia

OLBIA. «L’Amministrazione Comunale e l’assessorato che rappresento, riconoscono come imprescindibile il diritto allo studio ed all’integrazione sociale dei  disabili ed è per questo che, accogliendo le richieste dei molti genitori, ci siamo impegnati a far partire il servizio di assistenza anticipatamente rispetto agli altri anni, e ci impegneremo affinché il servizio possa essere garantito, nella sua completezza, fin dal primo giorno di scuola». Così si esprime l’Assessore ai Servizi Sociali Patrizia Bigi in merito al Servizio di Assistenza Specialistica a favore degli alunni con disabilità che  inizierà lunedì 17 ottobre, in anticipo rispetto agli altri anni.
    Il servizio di assistenza scolastica è una delle molteplici attività svolte dall’Assessorato ai Servizi sociali del comune di Olbia a favore dei disabili e dei loro nuclei familiari.
L’intervento in argomento viene garantito dal Comune di Olbia agli alunni disabili  gravi, in possesso della certificazione di cui alla L. 104/92 art 3 comma 3, che frequentano la scuola dell’obbligo primaria e secondaria di secondo grado.  
    Il servizio di assistenza scolastica agli alunni disabili è rappresentato da due distinte tipologie di assistenza:
1)     Servizio di Assistenza tutelare o di base (non obbligatorio da parte dell’ente) viene  garantito da operatori socio-sanitari (OSS), e mira a soddisfare le esigenze di cura quotidiana dell’alunno all’interno dell’ambito scolastico (per es: supporto negli spostamenti, somministrazione pasti etc).
2)    Servizio di Assistenza Specialistica (competenza esclusiva del comune) che viene  garantito attraverso educatori professionali, che hanno la funzione di supportare l’alunno disabile nelle attività didattiche in coordinamento con i docenti della classe.
    E’ fondamentale precisare che quest’ultimo servizio, cioè l’assistenza specialistica di competenza comunale, è distinto dall’attività svolta dall’insegnate di sostegno che è un docente nominato dall’ufficio scolastico  provinciale (ex Provveditorato).
    I Servizi di Assistenza tutelare e specialistica che vengono erogati dall’Ente sono complementari a quello di competenza del provveditorato e per cui il Comune non può in alcun modo intervenire sulla nomina degli insegnati individuati annualmente e destinati a supporto dei bambini disabili.
    L’Amministrazione, invece, ha potuto e voluto anticipare l’erogazione del servizio di assistenza scolastica di propria competenza, che partirà all’inizio della prossima settimana, con quindici giorni di anticipo rispetto al calendario previsto.
  «In funzione dei diritti dei diversamente abili e delle loro famiglie – conclude l’Assessore - è utile comunicare che nel mese di settembre sono stati presentati alla regione n. 871 piani personalizzati di sostegno previsti dalla L. 162/98, cioè 121 in più rispetto allo scorso anno, segno evidente che le problematiche legate alla disabilità sono in crescita, come tutto l’ambito dei servizi sociali, in un territorio così dinamico come quello di Olbia. Con la presentazione di tali progetti siamo riusciti ad ottenere € 81.647,00 in più rispetto allo scorso anno, così da riuscire a soddisfare le esigenze di assistenza e di supporto ai nuclei familiari e di  sostenerli nell’inesauribile impegno che  questi genitori affrontano quotidianamente».

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

Agostinangelo Marras