Golfo Aranci
CONFERENZA DI FINE ANNO

Il futuro di Olbia nelle parole di Nizzi
Puc, Costa Turchese,mitigazione rischio idraulico e cultura

di Davide Mosca
OLBIA. Il sindaco di Olbia, Settimo Nizzi, tira le somme dei primi sei mesi di governo comunale e si dichiara soddisfatto per quanto è stato fatto. Un sette, sette e mezzo è il voto che il primo cittadino attribuisce al lavoro svolto dalla sua giunta fino ad oggi. Tutti i particolari e i progetti futuri sono stati illustrati stamani nel corso di una conferenza stampa presso il palazzo comunale. "Lavoriamo per la città e per soddisfare i bisogni dei cittadini e siamo fieri ad esempio di aver destinato trecento mila euro per i lavori di manutenzione stradale, piuttosto che puntare sulle luminarie natalizie", il sindaco risponde in questo modo alle critiche il natale sobrio della città. E tra i primi punti che il sindaco vuole affrontare e licenziare entro i prossimi quattro mesi è il tanto discusso Puc. Ancora tutto da scrivere.

Ma una cosa è certa, e lo ha chiarito Nizzi, il Puc sarà in assoluta controtendenza con quanto immaginato dalla precedente amministrazione. Il sindaco ha dichiarato di voler portare avanti tutti quei progetti che potrebbero avere un ritorono per la comunità olbiese e tra questi il progetto della Costa Turchese più volte messo nel cassetto, bloccato a colpi di sentenze e oggi ritirato fuori per far spazio agli interessi cittadini. C'è poi sul tavolo del primo cittadino il progetto per la messa in sicurezza della città: "E' al primissimo punto del nostro programma -ha dichiarato Nizzi- e stiamo procedendo alla demolizione delle opere incongrue in città e già in questi giorni verrà pubblicato il bando per il progetto alternativo al piano Mancini per il quale sono stati stanziati 280mila euro per la progettazione". Andranno avanti su altri binari i programmi della regione, invece, relativi alle vasche di laminazione che ricalcano il piano mancini e per il quale la Regione ha commissariato il comune per non perdere le risorse già stanziate.

Secondo quanto riferito dal sindaco il 2017 sarà l'anno della svolta per la città con la partenza dei lavori dell'Ansa Sud, del recupero del teatro Michelucci, del trasferimento dell'università nel centro di Olbia e del recupero della funzionalità del museo archeologico. "Lo sviluppo della città passa dai servizi e tra questi la sanità, con la speranza di vedere ultimato il Mater Olbia e vedere realizzati servizi sanitari importanti. Così come sarà importante il recupero dell'ostello della gioventù. Riporteremo Olbia a viaggiare su livelli europei ed emergere da valori che al momento sono da paesi Nord Africani. La conferenza si è chiusa con gli auguri del sindaco alla cittadinanza, al consiglio comunale, alla giunta e all'opposizione.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Golfo Aranci