Viaggio nel fantasy di Nuraghes S'arena, a Olbia tutti in fila per vedere il corto dove recita Salmo

di Davide Mosca
OLBIA. C'è una Sardegna che corre veloce. Che fa parlare di sé e che è più famosa fuori che in patria. E' il caso del rapper olbiese Salmo, Maurizio Pisciottu, che trasforma in oro o meglio in platino tutto ciò che tocca. Dalla musica ai film, il rapper ci mette animo, corpo e passione e ne è la dimostrazione Nuraghes un progetto del regista Mauro Aragoni. Il corto è stato presentato a Olbia in una sala strapiena del museo archeologico alla presenza dei tanti fan e amici che hanno fatto volentieri la fila per assistere allo spettacolo. Battaglie corpo a corpo tra guerrieri, effetti, colpi di scena, costumi e paesaggi pazzeschi dell'Ogliastra nel cuore della Sardegna tengono con il fiato sospeso fino alla fine. Venti minuti che presto verranno srotolati in un film.  Nuraghes s'Area sarà Il primo film girato in Sardegna che vuole trasportare il fantasy nell'epoca del bronzo.

Un salto temporale che trae ispirazione da un'antica civiltà esistita realmente in Sardegna. Nel cast d'eccezione oltre al rapper olbiese Salmo, anche Michael Segal e Andy Clelland che hanno prestato gratuitamente la loro preziosa consulenza. Il cuore delle immagini ha un'altra importante firma olbiese, quella di Andrea Folino ricercato ormai ovunque per il suo talento nel videomaking. C'è poi Andrea Loddo, un artigiano alle mani d'oro che è specializzato nelle riproduzioni di bronzetti nuragici e che ha li ha studiati a tal punto da riprodurre armature, scudi, spade ed elmi talmente fatti bene da sembrare originali. Presente all'incontro anche il soprintendente ai beni culturali Rubens d'Oriano che ha "benedetto" Nuraghes: "Inizialmente ero molto scettico, poi quando l'ho potuto guardare, mi son detto perché no? Seppur con fantasia questo corto non tradisce lo spirito del tempo".

E così il soprintendente ha poi ripercorso alcuni film del passato che si sono ispirati alla storia a partire dai capolavori come Ben Hur e il più recente Alexander. Critico D'Oriano, invece su Troy, che di storico a suo dire ha ben poco con errori grossolani. Ma Nuraghes è un'altra storia. Il prossimo appuntamento per chi l'avesse perso lo potrà guardare sul canale 27 del digitale terrestre, Paramount Channel, il 19 di marzo alle 23.30. Vale la pena dargli un'occhiata per capire le potenzialità di promozione dell'immagine della nostra amata e gloriosa Isola.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS