La tradizione fa festa a Thiesi, il 16 dicembre ritorna la magia di “Rochitas”

OLBIA. La festa del gusto a Thiesi si chiama “Rochitas”, che è anche il nome del quartiere più antico del paese, dove il 16 dicembre le affascinanti cantine nella roccia apriranno le porte ai visitatori e agli amanti della tradizione per offrire i succulenti piatti tipici locali, ottime carni arrosto e un’ampia varietà di “druches”. Ritorna così, con trenta postazioni tra gli scorci caratteristici del centro storico, uno degli appuntamenti più attesi dalla laboriosa comunità del Meilogu.
L’edizione 2017 – organizzata dall’Amministrazione comunale in collaborazione con la Regione, la Proloco, la Fondazione Aligi Sassu, diverse associazioni, comitati e numerosi gruppi spontanei – sarà arricchita da spettacoli musicali itineranti, esibizioni di giocoleria e percorsi turistici a cura della cooperativa Siendas, per conoscere i monumenti più importanti del territorio. Piccola perla, il laboratorio dal vivo di Pina Monne, che durante la giornata realizzerà un nuovo meraviglioso “murale”.

Si parte alle 10 da Piazza del Comune con l’itinerario “Attorno alla rocca del Duca”, ideato da guide esperte per condurre i partecipanti a Binza 'e Josso, alla scalinata del Palazzo ducale, Santu Juanne, la gradinata medievale, "su furraghe" e l'antico lavatoio di Foddoghine.
A metà percorso, a Sa Pedraia è prevista la colazione d’autore, con caffè e dolci: un incontro divertente in compagnia di Nello Rubattu per conoscere alcuni passi del suo nuovo libro "Il cavalier Marras". Stand e cantine apriranno alle 12, con le migliori eccellenze della tradizione gastronomica preparate dalle associazioni e dai comitati del paese. È qui che mani sapienti prepareranno specialità quali peta de poscrabu, anzone arrustu, culurgiones cun patatu e menta, sucu, fae e lardu, pulenta, porchetta, impanadas e tanto altro.
Alle 15.30 è previsto un nuovo interessante percorso all’interno del centro abitato, con partenza da Piazza Eleonora d'Arborea per visitare  “Le strade di Mastr'Anghelu": una passeggiata condurrà alla scoperta di Santa Vittoria, Casa Flores, il Monte Granatico, Corso Vittorio Emanuele, Carrela 'e su Bastione, Carrela 'e Palattu, Piazza del Comune, la Torre prigione e il rinomato Museo Sassu, che custodisce alcune delle più affascinanti opere del maestro originario di Thiesi.

Nel pomeriggio, canti e balli folk faranno da cornice musicale all’evento, con la suggestiva partecipazione dei gruppi a Tenores di Thiesi (unici del Logudoro) e dell’organettista Giuseppe Pola, per completare l’offerta con le launeddas del virtuoso Gianfranco Maxia e dei suoi allievi in formazione itinerante.
Altro spettacolo della serata sarà quello con i trampolieri della compagnia “Shedan fire Theatre”, e infine lo show “Tra destrezza e disastro” della compagnia argentina De Beneris Circus.
Due le mostre fotografiche: la prima, dal titolo “(IN)quadrature”, si terrà al Palazzo Comunale; la seconda, dal titolo “Siendas: storia, cultura e ambiente nel territorio di Thiesi”, sarà allestita all’interno della Torre Prigione.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche