L'olbiese Carlo Altana si laurea campione sardo cadetti e vola a Ostia per il campionato italiano

OLBIA. Un titolo di campione sardo cadetti della categoria nei 60 chilogrammi (cinture blu/marroni/nere) che vale la qualificazione alle finali nazionali, due atleti sul podio del campionato regionale di categoria e un oro nel Gran prix esordienti A. Un ottimo risultato per gli atleti della Kan judo Olbia, sotto la guida del maestro Angelo Calvisi, sabato scorso sul tatami di Arborea.

A centrare la difficile qualificazione alla finale nazionale con quattro incontri vinti per  ippon, in una categoria impegnativa che vedeva dieci concorrenti, Carlo Altana, che si laurea campione regionale e sarà tra gli atleti sardi in gara al campionato italiano che il 21 aprile vedrà sul tatami del Centro olimpico Fijlkam di Ostia, i migliori judoka italiani della classe cadetti (15/17 anni). Una promettente conferma per il sedicenne atleta della Kan judo Olbia che aveva già all’attivo il secondo posto nella prima fase del Gran Prix regionale cadetti.

Nella stessa categoria, con due incontri vinti, un buon terzo posto per Manuel Asara che purtroppo non ottiene la qualificazione per un soffio. Le regole prevedevano infatti che per dieci atleti si qualificassero solo i primi due.

Malgrado buoni incontri, con validi atleti, non sono riusciti ad entrare in zona medaglia Alessandro Serra (55 kg), Lorenzo Demurtas (60 kg) e Massimo Romdhani (66 kg).

 

Un altro primo posto, nel Gran Prix  esordienti A, cat. 55 kg, se l’è aggiudicato con due incontri vinti, Teseo Garrucciu, alla sua prima gara da agonista.

 

Il Judo team Angelo Calvisi sarà presente per il terzo anno consecutivo a una finale nazionale giovanile, nel 2016 con Carlo Altana e Massimo Romdhani nella classe esordienti, nel 2017 con Manuel Asara nella stessa classe.

Una conferma dell’importante lavoro svolto dalla società olbiese, dal maestro Calvisi e dal collaboratore tecnico Gavino Carta, nel settore giovanile.

 
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA