Luisa Di Lorenzo, segretaria Cgil Gallura, nominata coordinatore protempore Tag

OLBIA. Lunedì 9 Aprile si è riunita, nella sede dell’Agci, il Tavolo delle associazioni galluresi per nominare il nuovo Coordinatore Protempore. La scelta è ricaduta su Luisa Di Lorenzo, Segretaria Generale della Cgil Gallura. Il TAG nasce nel 2015, quando i rappresentanti delle associazioni datoriali e sindacali convennero sulla necessità di condividere politiche ed iniziative che, ferme restando l’autonomia e le attribuzioni di ciascuno, affrontassero le problematiche del territorio. In questi anni il Tag ha dimostrato  capacità di coesione nelle sue iniziative ed è divenuto esempio, unico nel panorama isolano, di organismo di rappresentanza unitaria ed efficace, di tutte le parti sociali. Le organizzazioni sindacali e d’impresa hanno un importante ruolo di raccordo e cinghia di trasmissione fra le istituzioni e le istanze del mondo del lavoro in modo trasparente ed efficace. Sono molteplici i momenti istituzionali in cui il Tag ha partecipato:

·      la firma del protocollo di intesa– insieme a molti partner –  nel gennaio 2017 che, a fine dello stesso mese, ha portato i comuni dell’Alta Gallura all’Accordo di Programma con la Regione Sardegna per il finanziamento del progetto “Città di Paesi della Gallura”;

·      la partecipazione (febbraio, aprile) agli incontri sulla istituzione del Distretto Culturale della Gallura, quello svoltosi a Padru e a Loiri Porto San Paolo per il percorso di progettazione partecipata – verso i fondi UE – della Comunità Montana Monte Acuto e Riviera di Gallura.

·      Su invito del sindaco Nizzi – insieme all’On.le Scanu, si è svolto un incontrò sullo stato dei lavori del Mater Olbia;

·      con il Presidente Gattu e lo staff del CIPNES rispetto allo stato di avanzamento del progetto di marketing territoriale INSULA. Il

Inoltre il TAG in questi triennio non ha mai smesso di occuparsi e di mostrare sensibilità per  quelle che sono tematiche calde che affliggono, oltre che le imprese e i lavoratori, larghe fasce della popolazione: in primis le questioni della sanità e della crisi idrica.

Al termine dei lavori ciascun responsabile ha ribadito la volontà di intensificare l’azione nei confronti delle Istituzioni locali e degli Organi di Governo della Regione Sardegna su quelle tematiche – condivise – nelle quali esercitare al meglio una rappresentanza unitaria allo scopo e di ottenere maggior riconoscimento del proprio ruolo.

Condividendo che una Gallura unita passa, anche, da una viabilità più sicura e rapida, un fronte di discussione aperto è quello che riguarda la strada Olbia Tempio ed in particolare  i ritardi nel ripristino della strada di Monte Pino, ferma dal 2013, ma anche la strada Olbia Palau Santa Teresa.

Ma la vertenza nella quale sarà necessario investire le maggiori energie sarà sicuramente la rivendicazione dell’autonomia istituzionale della Gallura.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS