Tempio Pausania, la Gdf scopre evasione fiscale per 200mila euro di imprese del territorio

OLBIA. Nel corso dei servizi Istituzionali di prevenzione posti in essere dal Comando Provinciale di Sassari, i Finanzieri della Tenenza di Tempio Pausania hanno eseguito due controlli mirati a contrastare l’evasione fiscale nei confronti delle aziende locali operanti nei settori del turismo e dell’edilizia, nonché volti a favorire l’aumento del livello di compliance con il contribuente.

Le specifiche attività si sono concretizzate con l’esecuzione di controlli fiscali nei confronti di due distinte ditte individuali operanti nei succitati settori commerciali, ed hanno permesso di controllare, in maniera trasversale ed approfondita, diversi settori impositivi, abbracciando un ampio contesto normativo di riferimento, contemplato dal D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, dal D.Lgs. 68/2001, nonché dalle Leggi n. 4/1929 e n. 689/1981.

Le attività ispettive hanno consentito di evidenziare, per il recupero a tassazione, cospicui elementi positivi di reddito sottratti all’Erario ed omessi versamenti in materia di imposta sul valore aggiunto: nello specifico sono stati segnalati al Fisco ricavi non dichiarati per oltre duecento mila euro e accertati omessi versamenti di I.V.A. per circa quaranta mila euro.

Inoltre, al termine del controllo, i rappresentanti legali delle due ditte verificate sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria per la violazione dell’art. 10 del D.lgs. 74/2000, avendo occultato scritture contabili durante l’esecuzione dell’attività ispettiva.

Le attività di servizio si inquadrano in un più ampio e costante dispositivo di prevenzione posto in essere dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Sassari, a tutela della cittadinanza, della leale concorrenza e del libero mercato, a garanzia di tutti i soggetti economici virtuosi che giorno dopo giorno operano nel territorio gallurese nel pieno rispetto delle norme e della legalità.

 
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione