Malore a bordo di una nave a Golfo Aranci, un 43enne trasportato in elicottero in ospedale a Sassari

OLBIA. L’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci, sotto il coordinamento della Direzione Marittima di Olbia, è intervenuta questa mattina per cooordinare in porto le operazioni di evacuazione medica di un marittimo di 43 anni. Infatti, la Sala Operativa è stata contattata dal Comando di bordo della nave RO-RO Passeggeri Mega Five, per un marittimo di origini italiane, che aveva subito una grave perdita di coscienza. Il marittimo è stato soccorso dal personale della nave e assistito dal medico di bordo. Nell’immediato il Comando di bordo aveva già allertato il Servizio Sanitario 118 che ha inviato in porto una ambulanza e successivamente e ha disposto l’intervento dell’elicottero per un eventuale trasporto urgente del marittimo.

Il Nucleo Operativo di Intervento Portuale dell'Ufficio Circondariale si è recato nel porto di Goffo Aranci e unitamente al personale della Security Portuale h messo in sicurezza le aree per l’atterraggio dellíelicottero mediante chiusura del porto, allontanamento dei passanti e ricerca di oggetti pericolosi presenti in banchina. Terminate le operazioni di ormeggio presso il molo sud, il personale sanitario è salito a bordo con l’ambulanza per soccorrere e valutare le condizioni del paziente. Nel frattempo è stato  disposto il blocco di tutte le operazioni di sbarco in attesa dell’arrivo dell’elicottero. Tutte le operazioni si sono svolte in piena sicurezza con il minimo disagio alle operazioni portuali, le quali sono riprese regolarmente non appena sbarcato il marittimo con ambulanza. Il personale sanitario valutate le condizioni del paziente ha disposto il trasferimento del marittimo presso l’Ospedale di Sassari. Grazie alla collaborazione di tutti gli operatori portuali, del Comando della nave e all’efficienza del servizio sanitario 118 tutte le operazioni si sono svolte al meglio ed in piena sicurezza. L’ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci ricorda a tutti il numero blu gratuito 1530 per segnalazioni di soccorso in mare, oltre ai consueti mezzi di comunicazione telefonici e radio.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA MAÌA