Quasi due milioni di euro per i porti della Gallura, ecco il bilancio dell’Autorità Portuale

OLBIA. Oltre 51 milioni di euro di investimenti per opere infrastrutturali. Ma anche l’abbattimento delle tasse di ancoraggio per il rilancio dei traffici portuali, in particolare quelli dei container. Sono i principali capisaldi del bilancio di previsione 2019 dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna approvato oggi dal Comitato di Gestione. Olbia riceverà un milione e quattrocentonovantaduemila euro e Golfo Aranci 400 mila euro. Il documento finanziario che, basato su attente analisi e valutazioni del sistema economico e logistico nel suo complesso, consentirà l’avvio di una serie di attività strategiche per il Sistema dei porti sardi. A partire da servizi ed opere (ordinarie e straordinarie), per proseguire con il completamento della struttura organica, il rilancio dei traffici con impulso alla promozione e ad interventi diretti (quale, appunto, l’abbattimento delle tasse di ancoraggio); fino al completamento dell’informatizzazione delle procedure interne all’Ente e delle operazioni portuali. Per quanto attiene alle dinamiche dei traffici, soprattutto per quelli riferiti ai container, il documento finanziario dell’Ente conferma l’abbattimento delle tasse di ancoraggio. Strategia di rilancio che, nel corso della riunione odierna, il Comitato di Gestione ha ratificato con una delibera ad hoc che introduce un rimborso del 90% su quelle relative al 2018 e la previsione di una riduzione strutturale per il triennio 2019 – 2021. “Quello appena approvato – spiega Massimo Deiana, Presidente dell’AdSP del Mare di Sardegna – è il primo vero bilancio previsionale dell’Ente unificato che, attraverso una regia di sistema, focalizza l’attenzione sugli interventi che possano al meglio valorizzare le potenzialità di ciascun porto. Un documento finanziario pienamente operativo, frutto di un anno di analisi e valutazione delle priorità, che incrementerà le performance dell’Ente puntando a ribaltare, con azioni dirette, anche la crisi del settore container, mantenendo positivo, nel contempo, il trend di crescita del traffico passeggeri, Ro-Ro e crociere”.Ecco come verranno ripartite le risorse in Gallura:Olbia: manutenzione delle torri faro e la realizzazione di un nuovo tratto di illuminazione nel viale Isola Bianca (482 mila euro); eliminazione delle sgrottature delle banchine (390 mila euro), manutenzione dei fondali dei moli Isola Bianca e Cocciani (620 mila euro).Golfo Aranci: lavori di rifacimento del manto bituminoso nel porto commerciale (circa 400 mila euro).
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA MAÌA