La Assl di Olbia inaugura la mostra fotografica "Sentieri di libertà" sulla montagna terapia

OLBIA. Sarà inaugurata venerdì pomeriggio la mostra Sentieri di libertà organizzata dal Centro di Salute Mentale della ASSL Olbia e dedicata alla montagna terapia, l’attività di trekking ideata per superare le barriere della malattia e favorire l’integrazione sociale dei pazienti. All’inaugurazione, in programma alle ore 18 presso il Museo Archeologico di Olbia, partecipano: il sindaco di Olbia, Settimo Nizzi; l’assessora alle Politiche Sociali del Comune di Olbia, Simonetta Lai; il direttore del Dipartimento della Salute Mentale e Dipendenze di Olbia, Salvatore Carai; l’operatore del Centro di Salute Mentale della ASSL Sanluri e referente del progetto di montagna terapia, Ignazio Cossu; l’organizzatore della mostra fotografica Storie di un Attimo, Marco Navone; gli operatori del Centro di Salute Mentale di Olbia Luisa Budroni, Silvia Carai, Giovanni Muretti, Luisella Balletta, Loredana Sanna, Pasquale Piras e Davide Pitzoi. Gli interventi sono moderati da Emanuela Angioni del CSM di Olbia.

Il pubblico interessato, oltre al momento dell’inaugurazione, può visitare l’esposizione nelle giornate di sabato 10 novembre e domenica 11 novembre dallo ore 10 alle ore 13 e dalle ore 17 alle ore 20. Mercoledì 14 novembre gli operatori del Centro di Salute Mentale incontreranno gli alunni delle scuole superiori per mostrare loro gli scatti fotografici e il docu-film realizzato durante una delle tante escursioni effettuate in questi anni. L’incontro è l’occasione per discutere insieme della validità del progetto di montagna terapia e dell’importanza della sensibilizzazione della collettività rispetto ai temi della salute mentaleLa mostra Sentieri di libertà è allestita da Andalas de Amistade Trekking a.s.d. in collaborazione con la ASSL Sanluri ed è inserita nel contesto della rassegna fotografica Storie di un Attimo organizzata annualmente dal’Associazione Argonauti di Olbia.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA