Danni da eventi atmosferici in Sardegna, dall'11 dicembre possibile presentare domande per rimborsi

OLBIA. Dall’11 dicembre e fino al 28 febbraio 2019 sarà possibile presentare la comunicazione integrativa ai fini della richiesta degli aiuti per compensare i danni causati da eventi atmosferici eccezionali verificatisi nel 2017.

"Abbiamo investito risorse e tempo per attivare una nuova piattaforma informatica, finalizzata ad avere una banca dati regionale aggiornata. In tal modo adesso possiamo rispondere al meglio alle esigenze rilevate nelle diverse occasioni di confronto, come i recenti tavoli verdi, con le associazioni di categoria" afferma l'assessore dell'Agricoltura Pier Luigi Caria. "Grazie alla banca dati abbiamo preso accorgimenti utili in tutti i settori, modificando, ad esempio, i paramenti di alcune colture o del settore apistico. Adesso - prosegue Caria - obiettivo è la rapidità. Prevediamo infatti delle istruttorie semplificate in modo che dall'apertura delle domande, i mandati di pagamento arrivino nel tempo più veloce possibile".  

Destinatarie le PMI attive nel settore della produzione agricola primaria con sede operativa in Sardegna, che abbiano già presentato apposita domanda di accesso al Servizio Territoriale di Argea Sardegna competente per territorio, entro il termine perentorio di quarantacinque giorni dalla data di pubblicazione del decreto ministeriale di declaratoria nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e ricadano in una delle zone delimitate per gli eventi dannosi occorsi in Sardegna nel corso del 2017. La dotazione finanziaria complessiva per la realizzazione dell’intervento è pari a 38 milioni. Per la compilazione gli interessati dovranno presentarsi presso il SUT Laore competente per territorio muniti di fotocopia del documento di identità in corso di validità e del CUAA aziendale. Nel caso di aziende che allevano bovini dovranno inoltre presentare l'eventuale dichiarazione del proprietario dei capi con cui si autorizza il detentore a richiedere e riscuotere l'aiuto.
Il bando potrà essere consultato e scaricato sui siti www.regione.sardegna.it e www.sardegnaagricoltura.it.


© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione