Golfo Aranci si riappropria delle case di via dei Caduti, la Regione cede gli stabili al comune

OLBIA. «Sono emozionato e molto soddisfatto, è stata una partita lunga, complessa e frutto di tante mediazioni, ma finalmente le case del nucleo storico del paese, “tornano a casa”. A Golfo Aranci via dei Caduti sarà nuovamente la nostra strada, quella in cui siamo cresciuti e attorno alla quale si è sviluppato tutto il paese. E’ quanto dichiarato dal sindaco di Golfo Aranci Giuseppe Fasolino, all’indomani della delibera di Giunta Regionale che ha autorizzato la cessione, al prezzo simbolico di un euro, di numerosi immobili ai rispettivi enti locali dell’ambito territoriale della provincia di Sassari.

«Grazie ad un grande lavoro collettivo e al supporto dell'Assessore Cristiano Erriu, - prosegue Fasolino - la Regione cede ai Comuni quei beni ritenuti non più indispensabili che in molti casi, come a Golfo Aranci sono invece di grande interesse per la comunità locale. Un interesse che trova fondamento nella storia di questa comunità e che oggi può finalmente riappropriarsi di un pezzo della propria identità». «Ora sarà compito dell’Amministrazione valorizzarli – conclude Fasolino – nessuno stravolgimento, ma ci attiveremo da subito affinché questi immobili possano trasformarsi in una leva di sviluppo per questo territorio predisponendo tutto l’iter per l’assegnazione delle case e della loro memoria a color che in questi anni la hanno “custodita” e affinché si possa finalmente completare l’iter di riqualificazione di quella via che per tutti evoca sentimenti ed emozioni perché racconta tra le sue case la storia di questo piccolo borgo di pescatori capace prima di affrontare il mare e poi di evolversi oggi a consolidata realtà turistica».
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS