Scoperti altri venti lavoratori in nero nei locali notturni di Arzachena e Olbia

OLBIA. In considerazione della positività degli interventi disposti all’inizio del mese di dicembre e scaturiti a seguito di alert di rischio emersi su alcune categorie economiche operanti in provincia, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Sassari in collaborazione con l’Ispettorato del Lavoro di Sassari ha pianificato ulteriori controlli al fine di contrastare il fenomeno del lavoro nero ed irregolare in imprese che gestiscono attività di intrattenimento e spettacolo nella circoscrizione.
Nei giorni scorsi i finanzieri del Gruppo di Olbia e gli Ispettori turritani hanno eseguito altri tre accessi nei confronti di rinomati locali notturni, due a Olbia ed uno in Arzachena, procedendo al controllo delle autorizzazioni e della regolarità delle posizioni lavorative del personale impiegato.

Nel corso delle operazioni sono stati identificati, impegnati in attività lavorativa, circa 25 dipendenti, 20 dei quali, di sesso femminile, risultati totalmente “in nero” - cioè privi di copertura assicurativa e regolare assunzione.
Sulla base delle informazioni direttamente acquisite nel corso delle ispezioni, la Guardia di Finanza, dopo la regolarizzazione dei lavoratori, procederà a ricostruire il loro “reale” rapporto di lavoro con contestuale recupero della contribuzione previdenziale ed assicurativa evasa e l’irrogazione da parte dell’Ispettorato del Lavoro di Sassari delle relative sanzioni. Nei confronti di uno degli esercizi di Olbia sottoposti a controllo, è scattata inoltre la sospensione dell’attività imprenditoriale.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Galleria Fotografica