A Olbia gli stati generali dei balneari sardi: "Tutelare ambiente con la doverosa fruizione"

OLBIA. Si è svolta, ieri, l'assemblea regionale degli imprenditori balneari della Sardegna per esaminare le novità normative e le diverse questioni relative alla categoria. Oltre alla presenza del presidente nazionale del S.I.B./FIPE/Confcommercio, Antonio Capacchione, hanno partecipato il presidente della Confcommercio della Sardegna, Alberto Bertolotti, e il presidente S.I.B. Sardegna, Claudio Del Giudice. Il presidente Capacchione ha messo in evidenza che la legge nazionale, che ha disposto una nuova durata delle concessioni demaniali marittime vigenti, è valida, efficace e perfettamente conforme al Diritto Comunitario. A tal proposito il presidente del sindacato ha sottolineato che la legge è stata emanata per la tutela del legittimo affidamento dei concessionari, così come delineato dalla nota sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea del 14 luglio 2016. Capacchione ha, poi, invitato ad effettuare un esame non superficiale, ma estremamente attento, della complessa articolazione della norma appena varata per evitare errori di valutazione.

Al momento tutte le Autorità locali sono tenute alla sua puntuale applicazione, anche per permettere agli imprenditori balneari di assolvere all'obbligo del pagamento dell'imposta di registro. Il presidente nazionale del sindacato ha, poi, chiarito che i balneari sono in prima fila per la tutela del paesaggio e delle bellezze naturali, in quanto queste costituiscono "la materia prima" per il proprio lavoro. I balneari tutti, e quelli sardi in modo particolare, sono pienamente consapevoli che la balneazione si fonda sulla bellezza naturalistica che, quindi, deve essere sempre tutelata. "Nel contempo -ha dichiarato il presidente- bisogna evitare che questa doverosa salvaguardia avvenga a discapito della sua fruizione. Bisogna, quindi, coniugare la tutela con la fruizione per evitare l'assenza o la distruzione dei servizi che sono frutto dello sviluppo civile e dell'emancipazione sociale. Capacchione ha concluso il proprio intervento affermando che la battaglia degli imprenditori balneari continua per la totale e completa messa in sicurezza giuridica, fisica ed economica di un settore, senza dubbio importante, per l'economia turistica del Paese.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS