I migliori runner sardi e nazionali sabato e domenica a Monte Pino per il Disco Inferno Trail

OLBIA.  Sabato 9 e Domenica 10 febbraio, sul Monte Pino, a pochi minuti dalla città di Olbia, si disputeranno varie competizioni di trail running che attraverseranno oltre 65 chilometri di sentieri, magistralmente segnalati e messi a punto dai componenti del Team della Sardinia Smeralda Trail ASD sotto la guida del presidente Paolo Costi. Confermata la presenza dell’atleta bergamasco, Luca Carrara, che negli ultimi anni ha conquistato i podi delle più famose gare di specialità in Italia ed anche oltre i confini nazionali; Luca quando ha visto le immagini degli incantevoli scorci che valorizzano il campo di gara, ha accettato la sfida anticipando una telefonata al presidente dell’associazione per complimentarsi per lo studio dei percorsi e la splendida location. Al Disco Inferno Trail Monte Pino, sono già iscritti i più forti campioni isolani, anch’essi più volte affermati a livello nazionali ed internazionale; spiccano i nomi di Antonio Filippo Salaris, Stefano Gervasoni, Davide Ribichesu, Teodoro Mura, Luigi Porcu e moltissimi altri che si sono impavidamente iscritti alla gara più adrenalinica dell’isola. Nel week-end sarà possibile anche partecipare a due escursioni non competitive denominate Monte Pino Walk Adventure I e II, aperte a tutti, per godere dello splendido connubio tra sport e natura.

L’associazione sportiva “Sardinia Smeralda Trail A.S.D.”, nel corso dei propri eventi, coglie sempre l’occasione per promuovere altri scopi di rilevanza sociale, quali la promozione della cultura, della storia, del territorio ma anche solidarietà; con una parte del ricavato da questa iniziativa, l’associazione si è prefissa di sostenere l’attività dell’AVIS di Olbia per la raccolta del sangue e degli emo-componenti. Alle ore 19, presso la sala conferenze dell’EXPO di Olbia, dopo il briefing pre-gara agli atleti. Il presidente dell’AVIS di Olbia Alberto Ferrigno terrà una breve conferenza per incentivare il sempre crescente bisogno di donazioni.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione