A Olbia il candidato del M5s Degosus lancia il progetto della rete ferroviaria Olbia-Nuoro

di Davide Mosca
OLBIA. Una splendida giornata di sole ha accolto a Olbia il candidato alla presidenza della Regione del Movimento Cinque Stelle, Francesco Degosus. “E’ la prima volta che ci presentiamo alle regionali -ha commentato Degosus-, noi siamo per la prima volta candidati nell’Isola ed assistiamo ad un’operazione di facciata proponendo sempre le stesse persone e le stesse ricette. Noi siamo il movimento cinque stelle e per noi la Lega è un avversario e abbiamo visto chi ha candidato nelle liste”. Parte così il discorso del candidato M5s che prende le distanze dalla Lega alla presenza della stampa, di fan e sostenitori, dei candidati consiglieri, Roberto Ligioi, Sonia Calvisi, Marco Bardini, Anna Maria Langiu, Angela Selis, del deputato Nardo Marino e della consigliera comunale Maria Teresa Piccinnu.

A fare gli onori di casa il deputato olbiese, Nardo Marino, che ha parlato dei fondi stanziati per la mitigazione del rischio idrogeologico: “Siamo alle prese con uno stallo inqualificabile e il referendum non serve a nulla. Non vorrei che questi fondi vengano poi deviati per altre cose”.

La stessa Piccinnu è poi ritornata sul tema, viste anche le ultime polemiche proprio relative al piano: “A oggi non ci sono progetti esecutivi. pertanto, l’impegno da parte dello Stato sarà quello di garantire che i soldi siano spesi per il progetto migliore sotto il profilo tecnico e partecipativo, anche con il rinnovo della convenzione Stato-Regione che prevede l’utilizzo dei fondi entro il 2021. Olbia non deve essere ostaggio di progetti elaborati sull’emotività dell’emergenza o scelti d’imperio da un sindaco che dopo aver redatto il proprio vuole a posteriori sponsorizzarli con una consultazione fuori tempo massimo. Olbia e le sue vittime meritano garanzie sulla solidità delle somme messe a disposizione e sul progetto di mitigazione anche rivisto sulla base di un concorso internazionale”.

Chiarita dunque la posizione del M5s sul progetto Mancini. Il candidato governatore ha parlato, poi, della necessità di semplificare e abbattere il più possibile la burocrazia: “La struttura burocratica regionale non ha la giusta tempistica in nessun settore e frena lo sviluppo. Noi vogliamo cambiare cercando di digitalizzare il più possibile i servizi”. E poi i trasporti e la viabilità interna: “Noi -ha commentato Degosus- puntiamo alla continuità territoriale 2, ovvero quella che servirà per aprire anche nuove rotte aeree verso altre città che non siano per forza Roma e Milano e sulla tariffa unica marittima. Per quanto riguarda la mobilità interna rivisiteremo il rapporto con Anas che dovrà prenderei cura delle strade provinciali”. Dessous ha poi lanciato un progetto per la rete viaria. Nuoro è l’unica provincia italiana che non è servita dalla ferrovia, noi abbiamo questo ambizioso progetto e nel cassetto delle idee c’è proprio la connessione via treno Nuoro-Olbia”.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS