Corriere della droga arrestato a Olbia, aveva ingerito un chilo di eroina suddivisa in 50 ovuli

OLBIA. La Polizia di Stato di Olbia, nei giorni scorsi, ha tratto in arresto U.G., 25enne di origine nigeriana, trovato in possesso di circa un chilogrammo di eroina. L’uomo è stato fermato presso il porto di Olbia, dal personale del locale Commissariato e all’atto del controllo ha evidenziato segni di nervosismo. Tale atteggiamento ha portato gli agenti a sottoporlo ad ulteriori accertamenti.

I successivi controlli hanno permesso di sospettare  che l’uomo stesse “trasportando” sostanza stupefacente. Per tale motivo il giovane è stato ricoverato presso l’ospedale di Olbia e sottoposto ad accertamenti sanitari, che hanno evidenziato la presenza di circa 50 ovuli, particolarmente voluminosi rispetto agli standard propri degli “ovulatori”, che in totale contenevano circa un chilogrammo di eroina purissima.

Quasi in concomitanza con tale episodio, come già noto agli organi di stampa, personale della Sezione Polizia Stradale di Sassari, impegnato con numerose pattuglie sulle strade interessate delle manifestazioni di protesta dei pastori, ha tratto in arresto, sulla strada statale 131, nel territorio comunale di Muros, un 61enne della provincia di Cagliari, che trasportava, occultato tra i sedili, circa mezzo chilo di cocaina. Tali attività sono il risultato dell’incrementata attenzione che la Polizia di Stato sta rivolgendo al fenomeno della circolazione di sostanze stupefacenti, soprattutto attraverso mirati controlli nei porti, aeroporti, vie e mezzi di comunicazione, in linea con le  nuove direttive ministeriali emanate per arginare il fenomeno.

Il quantitativo di eroina sequestrato negli ultimi mesi, (circa 3 chilogrammi), avrebbe consentito il confezionamento di circa 20000 dosi che una volta immesse nel mercato, avrebbero fruttato circa mezzo milione di euro. Inoltre, sono stati sequestrati circa 700 grammi di sostanza stupefacente tipo cocaina. Le attività sviluppate, nel loro complesso, hanno portato all’arresto di 8 persone.

La Squadra Mobile della Questura di Sassari, sta sviluppando un intensa attività investigativa, su ciascuna attività di sequestro di stupefacenti, anche monitorando il fenomeno della spedizione di droga attraverso gli “ovulatori”, con approfondimenti destinati a portare a sviluppi ulteriori l’attività di contrasto al fenomeno.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA