Il procuratore di Tempio Pausania Capasso in visita alla guardia costiera di la Maddalena

OLBIA. Nel pomeriggio di ieri, 19 febbraio, il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Tempio Pausania, Dott. Gregorio Capasso, ha visitato la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di La Maddalena, accompagnato dal Direttore Marittimo del Nord Sardegna, Capitano di Vascello Maurizio Trogu. Accolto dal Comandante del Porto, Capitano di Fregata Gabriele Bonaguidi, il Procuratore ha visitato i locali della Sezione di Polizia Giudiziaria – Guardia Costiera ubicati nella sede della Capitaneria di porto ed ha voluto incontrare il personale, al quale ha espresso parole di vivo ringraziamento e sincero compiacimento per le importanti e concrete attività svolte negli ambiti di competenza territoriale del Tribunale di Tempio-Pausania.

L'incontro è proseguito con un briefing nel quale sono stati esposti al Dott. Capasso i risultati raggiunti dalla Direzione Marittima del Nord Sardegna durante l’anno, in particolare le attività di Polizia Giudiziaria condotte dalla Guardia Costiera nell’ambito delle proprie competenze istituzionali, relative, ad esempio, all’accertamento di illeciti a danno del demanio marittimo e a tutela dell’ambiente marino. Il Procuratore ha visitato il locale centro V.T.S. ubicato nella storica Torre di Guardia Vecchia, da cui il personale della Guardia Costiera di La Maddalena tiene sotto costante controllo il traffico navale che si sviluppa nello stretto internazionale delle Bocche di Bonifacio, utilizzando sofisticati sistemi di monitoraggio delle navi in transito. La costante attività di monitoraggio consente di prevenire rischi per l’ambiente marino particolarmente tutelato del Nord Sardegna, nel solco di quelli che sono i compiti istituzionali del Corpo delle Capitanerie di porto Guardia Costiera. Il Procuratore, infine, ha voluto omaggiare la Capitaneria di Porto, apponendo la propria dedica sul Diario Storico del Comando.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA