L'Olbia trionfa in trasferta con la Pistoiese, finisce 1-3 per i Bianchi

OLBIA. E con questa facciamo tre su tre. Le vittorie dell'Olbia al "Melani" di Pistoia dal ritorno in Serie C. La prima nel 2016/17, la seconda nel 2017/18. Oggi, un en-plein che fa godere doppiamente per un successo conquistato con agonismo, ambizione e fiammate di qualità eccelsa che hanno illuminato una prestazione vicina alla perfezione. Come del resto aveva chiesto mister Filippi alla vigilia dell'incontro. L'Olbia sbriciola la Pistoiese vincendo con un 3-1 propiziato da una grande prova collettiva prima ancora che dalle firme (e che firme!) di Peralta, Ceter e Ragatzu.

PERALTA-BIS. L'avvio di gara vede la squarto locale partite con veemenza e l'Olbia contrapporsi con ordine e intelligenza. Ne scaturiscono, nei primi 10' di gioco, due conclusioni dal limite di Ceccarelli e Fantacci, prima che i ragazzi di Filippi inizino a conquistare terreno sfruttando l'asse centrale Gemmi-Peralta. E proprio quest'ultimo, al 35', spezza l'equilibrio in campo con una giocata da fuoriclasse che bissa il gol-vittoria della partita con il Gozzano: stop di petto al limite dell'area che mette fuori gioco la retroguardia arancione e rasoterra preciso che si insacca alle spalle di Pagnini. Se il portiere arancione incassa, quello olbiese alza il muro in maniera decisiva: succede al 45', a frazione quasi scaduta, quando la Pistoiese si produce in un'insistita azione offensiva (viziata da una probabile iniziale posizione irregolare) che si traduce in una mitragliata di Piu-Momentè-Regoli che Van der Want respinge senza batter ciglio.

DOMINIO OLBIA. E se il primo tempo aveva vissuto di un sostanziale equilibrio, la ripresa vede l'Olbia prendere il sopravvento e scappare via. Vallocchia stantuffo inscalfibile, Peralta genio tra le linee, Ceter di nuovo incontenibile. Al 53' il colombiano vince di forza un duello fisico con Ceccarelli e si invola verso la porta firmando il raddoppio con un delizioso tocco di esterno destro. Padrona del campo, al 61' l'Olbia ha l'opportunità di calare il tris con Ragatzu, che però, saltati due difensori, davanti al portiere esagera con il dribbling e non riesce a concludere. Al 69' l'Olbia fa male ancora per vie centrali con Gemmi che innesca, Peralta che rifinisce e Pennington che calcia dai 25 metri una palla che finisce di poco alta. È il 72' quando la Pistoiese, con un bel colpo di testa di Fanucchi, riapre la gara. Ma l'Olbia non concede illusioni e al 78', dopo aver fallito un minuto prima una clamorosa palla gol con Ogunseye, costruisce un'azione da manuale sulla sinistra con Cotali che serve Ogunseye il quale, con uno splendido no look, rifinisce per l'accorrente Ragatzu che insacca con un preciso diagonale.

È il gol dell'1-3, è il gol che mette l'incontro in ghiaccio. L'Olbia espugna con pieno merito il "Melani" e sale a quota 34 punti in classifica. La testa, adesso, è già alla Lucchese, prossimo avversario dei bianchi al "Nespoli".

TABELLINO
Pistoiese-Olbia 1-3 | 32ª giornata

PISTOIESE: Pagnini, El Kaouakibi, Ceccarelli, Dossena, Regoli (58' Forte), Picchi, Luperini (58' Petermann), Llamas, Fantacci (84' Cellini), Piu (58' Fanucchi), Momentè (84' Rovini). A disp.: Meli, Terigi, Tartaglione, Vitiello, Romagnoli, Sallustio. All.: Antonino Asta
OLBIA: Van der Want, Pinna, Dalla Bernardina, Pisano, Cotali, Vallocchia, Gemmi, Caligara (52' Pennington), Peralta (70' Ogunseye), Ragatzu, Ceter (81' Muroni). A disp.: Romboli, Marson, Pitzalis, Cusumano, Biancu, Maffei. All.: Michele Filippi
ARBITRO: Nicolò Marini (Trieste). Assistenti: Andrea Zaninetti (Voghera) e Federico Votta (Moliterno)
MARCATORI: 35' Peralta, 53' Ceter, 72' Fanucchi (P), 78' Ragatzu
AMMONITI: 15' Picchi (P), 17' Caligara, 67' Dalla Bernardina, 88' Pennington, 90' Petermann (P)
NOTE: Recupero: 1' pt; 4' st
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS