Siddura protagonista al Vinitaly, dalla Gallura con ambiente e territorio per conquistare i mercati

OLBIA. L’ambiente e il territorio, i luoghi dove nascono i vini, il patrimonio immateriale di storia e tradizioni. Dalla Gallura verso il mondo, con un occhio di riguardo ai mercati più che emergenti dell’Estremo Oriente. La cantina Siddùra di Luogosanto si presenta all’edizione del Vinitaly 2019 con una filosofia che punta alla piena consapevolezza delle caratteristiche del microclima come elemento fondamentale per produrre vini internazionali e di qualità.

SIDDÚRA AL VINITALY. All’interno di un’edizione del Vinitaly da record, con 4600 espositori provenienti da 35 Paesi al mondo, il modello Siddùra propone una visione autentica e quasi primigenia del concetto di territorio, che va al di là del rapporto tra vitigno, microclima e suolo. Si propone un modello della Sardegna, isola della longevità, un ambiente unico e incontaminato, favorito da tratti caratteristici che incidono sui suoi vini. Oltre al Cannonau, il vino dei “Centenari”, Siddùra promuove una gamma di etichette capaci di abbracciare ogni aspetto della vita del suo territorio. Luogosanto, enclave interna della Gallura, parte settentrionale dell’Isola, soddisfa condizioni climatiche particolari, irripetibili, che condizionano fortemente i vini coltivati in questa zona della Sardegna.

IL MODELLO SIDDÚRA. “Il terroir è la caratteristica principale dei nostri vini – afferma Massimo Ruggero, amministratore delegato della cantina sarda-.  Il vino non è altro che la spremitura dell’uva che si è nutrita del terreno, esattamente come il microclima è semplicemente la sintesi dell’habitat naturale che ospita le piante. Siddùra è attenta e sensibile ai cambiamenti climatici che vengono studiati attraverso un sistema di mappatura”. La geolocalizzazione del singolo vitigno ha consentito all’azienda di creare dei vini legati in maniera indissolubile alla vallata di Siddùra: solo in quel preciso poggio o in quel determinato pianoro potrà crescere un vino con le stesse caratteristiche di quello imbottigliato dalla cantina di Luogosanto. “Le analisi del terroir, del clima, del microclima, svelano quali fattori condizioneranno la vita del vino in futuro e rappresentano la chiave di svolta della vinificazione – spiega Ruggero -. Negli ultimi anni, inoltre, la cantina di Luogosanto ha iniziato a catalogare le erbe spontanee che caratterizzano la zona e che influenzano i profumi, i sapori e le consistenze delle uve e dunque dei vini. La singolarità di questi fattori determina, oltre i valori economici, quel patrimonio naturale e il know how che può rappresentare il valore aggiunto per conquistare i mercati emergenti, in particolare quelli dell’Estremo Oriente sempre più attenti ai fattori ambientali e climatici che rendono unico un vino. Al Vinitaly, padiglione 8 – stand H6, Siddùra porterà le nuove annate dei vini concepiti secondo questa filosofia, figli di un territorio e patrimonio della sua terra.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS