Allevi e Noemi i big del Porto Rotondo Festival per celebrare i 50 anni del Consorzio

di Davide Mosca
OLBIA. Il pianoforte e la musica di Giovanni Allevi, la voce e le canzoni di Noemi saranno protagonisti del Porto Rotondo Festival 2019. Allevi il 20 luglio e Noemi il 21 agosto nella splendida cornice del Teatro Mario Ceroli. Due eventi che impreziosiranno un fitto calendario di appuntamenti musicali, artistici e sportivi che dal 28 aprile attraverseranno tutta la stagione fino a settembre per celebrare i 50 anni dalla nascita del Consorzio Porto Rotondo. Tutti i dettagli sono stati illustrati stamane, nel corso di una conferenza stampa, alla presenza del Conte Donà Delle Rose, presidente della Fondazione Porto Rotondo, del presidente del Consorzio, Leonardo Salvemini, dell’assessore alla cultura del comune di Olbia Sabrina Serra, del presidente dello Yachting Club Porto Rotondo Roberto Azzi e del direttore artistico, Luigi Puddu. Il festival si aprirà il 28 aprile con il coro Sos Astores di Golfo Aranci nella chiesa di San Lorenzo  e in concomitanza con Sa Die de Sa Sardigna. Le melodie popolari daranno il benvenuto ai tanti turisti che saranno presenti a Porto Rotondo e in Gallura per la Pasqua e in vista del ponte del primo maggio.

Il 27 agosto, serata speciale, sempre al Teatro Mario Ceroli, con lo straordinario Highlander dj. Musicista e producer sta spopolando su Striscia la Notizia, riscuotendo un successo eccezionale con le sue rivisitazioni in chiave ironica di ritmi rap, affidati alla voce trasformata di personaggi celebri dello spettacolo, della tv e della politica. Il 9 luglio, Portorotondosurprise tra musica e magia. Oltre allo spettacolo circense e di animazione del Circo Lander, appuntamento con il Coro Voci Bianche Don Bosco, uno dei più importanti in Sardegna: sarà protagonista con le sue straordinarie esecuzioni proposte da giovanissimi under 14. Una serie di eventi, tra maggio e settembre, vedrà impegnate formazioni differenti per stili musicali, ma che fanno della melodia la forza del loro successo. Il 2 luglio, appuntamento con il Duo Fisarlino di Giovanni Sardo (violino) e Sergio Scappini (fisarmonica), i virtuosi del camerismo italiano si esibiranno nella chiesa di San Lorenzo, con la rielaborazione
di celebri composizioni classiche di autori molto amati dal pubblico. Nel ricco cartellone anche concerti solisti di talenti e maestri dell’interpretazione.

Da Moses, il vincitore di Italia’s Got Talent edizione 2016, che si esibirà il 30 luglio, al virtuoso arpista italo svizzero Raoul Moretti, uno dei maggiori esponenti al mondo dell’arpa elettroacustica, in concerto a Porto Rotondo il 25 giugno. Il 28 maggio, riflettori sulle produzioni originali del Duo Katalis, capitanato dal grande flautista catalano Anton Serra Pujadas. Il 3 settembre, sarà la volta dei chitarristi del Duo Rossini, a cavallo tra musica spagnola e repertorio operistico italiano. Il 13 agosto, esibizione del Duo Les Femmes, della pianista triestina Helga Pisapia con un viaggio musicale da Piazzolla ai Beatles. Il 25 luglio, le incursioni della Davil’s Street Band animeranno il villaggio con un concerto itinerante dalle note swing anni '30. Il 10
agosto, nella chiesa intitolata al patrono di Porto Rotondo, tradizionale appuntamento con la grande notte speciale per San Lorenzo. In programma un
concerto di melodie tradizionali sarde interpretate dalle straordinarie voci del Coro Femminile Urisè.
Il primo agosto, una formazione di artisti di prim’ordine animerà piazza San Marco con la serata “Suoni della Sardegna e del Mediterraneo”. Il quartetto di Marino Derosas, uno dei massimi rappresentanti a livello internazionale della chitarra sarda sarà l’ospite della manifestazione celebrativa dei 50 anni del Consorzio Porto Rotondo che vedrà, dal
pomeriggio, la partecipazione di Poste Italiane con l’annullo filatelico creato per l’occasione. Sempre in piazza San Marco, il 5 agosto, si esibirà Marco Ligabue, fratello di Luciano, che con il suo quartetto riscuote il favore di migliaia di giovani. La kermesse sarà arricchita con iniziative collaterali: 30 proiezioni
cinematografiche, un premio ai doppiatori “Voci tra le onde”, in programma il 15 giugno, e Vita daMare. Il Porto Rotondo Festival, edizione dopo edizione, plasma un evento iniziato 20 anni fa con il coronamento di un sogno.

Il nostro traguardo -ha commentato il Conte Donà delle Rose- è quello di completare il sogno di 50 anni fa. Creare qui una vera e propria "Polis", con un porto, una piazza, un teatro e una chiesa. E questo desiderio si sta realizzando, così come il percorso dell’arte. E’ grazie a questa idea, alle opere che sono state realizzate che Porto Rotondo è un gioiello del turismo mondiale, noto e apprezzato in tutto il mondo”. 

Soddisfazione anche da parte del comune di Olbia e dell’assessore Sabrina Serra: “E’ la prima volta che partecipiamo tutti insieme per riuscire a creare un calendario di bellissimi eventi e quest’anno abbiamo un taglio differente e la cultura sarda sarà al centro di queste serate con il mare protagonista. Il nostro pensiero, doveroso, oggi va ai lavoratori di Air Italy e auspichiamo che lunedì si trovi una soluzione”. 

“Quest’anno ricorre il 50esimo compleanno della nascita del Consorzio - ha commentato il presidente Salvemini- creato per valorizzare questo gioiello costiero. Saranno molteplici gli eventi ed è previsto anche un annullo filatelico. Tra i temi che ci stanno più a cuore sono, poi, quelli ambientali. L’obiettivo è quello di rendere Porto Rotondo sempre più blu, sempre più verde ed è per questo che abbiamo organizzato delle giornate ecologiche, -ha poi concluso Salvemini-. Non mancheranno poi gli eventi sportivi, gare di vela e di pesca che si protrarranno fino al 27 di ottobre.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS