Controlli della polizia in officine e carrozzerie di Olbia, Oschiri e Osilo: sanzioni per 9mila euro

OLBIA. In questi mesi, i Reparti di Polizia Stradale, oltre ai servizi di vigilanza e perlustrazione stradale svolti, tra i vari servizi d’istituto hanno effettuato anche dei controlli amministrativi agli esercizi pubblici, in particolare officine di meccatronica, rivendite di pneumatici, carrozzerie, concessionarie, agenzie d’affari e agenzie assicurative. A cavallo tra i mesi di marzo e di aprile, il Distaccamento Polizia Stradale di Tempio Pausania, con un raggio di competenza in tutta la Provincia di Sassari ha controllato diverse officine nella città di Olbia, ad Oschiri e a Osilo.

I controlli effettuati, riguardanti la verifica delle condizioni del luogo di lavoro, sicurezza dei lavoratori, normativa antincendio, prevenzione infortuni, accertamento delle posizioni assicurative dei dipendenti, visura camerale, S.c.i.a., D.i.a., controllo in banca dati di tutti i veicoli presenti, verifica del registro di carico e scarico dei rifiuti, nonché i corretti modi di stoccaggio delle batterie al piombo esauste, di olii usati, pneumatici. A seguito dei controlli effettuati,  3 delle officine controllate sono state sanzionate per un importo complessivo di 9.500,00 €, per svariati illeciti amministrativi. Nello specifico, il titolare di una delle autofficine, è stata sanzionato perché ormai da diversi anni, occupava abusivamente un’intera strada senza uscita con numerosi motoveicoli, ivi parcheggiati. Allo stesso è stato imposto di liberare l’intera area entro 20 giorni, al fine di non incorrere in violazioni più gravi. A ciò si aggiungono diverse violazioni per mancata comunicazione agli organi competenti e mancata compilazione su registri di carico e scarico rifiuti.

In simili infrazioni sono incorse anche altre autofficine, sempre per mancata comunicazione di carico e scarico rifiuti e mancata comunicazione o aggiornamento di appositi registri, mentre in una di esse è stato rinvenuto un motociclo già sottoposto a sequestro amministrativo, con violazione degli obblighi di custodia. In merito a ciò verranno effettuate ulteriori verifiche presso la Prefettura di Sassari per la eventuale definitiva confisca del motoveicolo.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA