I giornalisti russi alla scoperta delle bellezze della Gallura e della Sardegna

OLBIA. Presentare il territorio e promuovere le destinazioni turistiche isolane, in particolare quelle della Gallura. La Confindustria Centro Nord Sardegna, su iniziativa del presidente della Sezione Turismo Nicola Monello, ha promosso un Press Trip di cinque giorni riservato ai rappresentanti della stampa di settore della Russia, arrivati lunedì all’aeroporto di Olbia con il nuovo collegamento della compagnia S7 Airlines da e per San Pietroburgo (con voli previsti ogni lunedì e venerdì fino al 26 ottobre).
«La Russia è un mercato molto importante. Sappiamo che la Sardegna è molto amata, in particolare il mare, ma anche le nostre tradizioni e il cibo – spiega Nicola Monello –. Siamo contenti che S7 Airlines e Geasar siano riusciti ad attivare il collegamento, garantendo posti sul primo volo da San Pietroburgo, mentre le aziende nostre associate hanno messo a disposizione camere negli alberghi e altri servizi. Abbiamo definito un programma per i giornalisti che possono così conoscere il nostro territorio». Diverse le tappe in importanti strutture turistico ricettive e del settore enologico ed enogastronomico associate a Confindustria CNS, con l’obiettivo di fare conoscere meglio le eccellenze del territorio a un target medio-alto di potenziali turisti.

Il Press Trip, partito nel pomeriggio di lunedì 29 aprile con la partecipazione di sei tra giornalisti e giornaliste della Russia, è curato da Confindustria Centro Nord, oltre che con la Geasar e la compagnia aerea S7, insieme all’agenzia di viaggi Veritaly per la Sardegna e l’agenzia internazionale Art Travel di San Pietroburgo, e con il contributo di Turmo Travel per i servizi di trasporto e delle strutture ospitanti dell’Hotel Abi d’Oru a Marinella Porto Rotondo (Gruppo Zuncheddu), Petra Bianca (gruppo Molinas) a Cala di Volpe, Hotel Cervo (Gruppo Marriott) a Porto Cervo e Cala di Falco (Gruppo Delphina Hotel) a Cannigione. Sono state inoltre coinvolte due cantine associate a Confindustria: le aziende vinicole Capichera e Mancini.
«Il nostro collegamento è il secondo attivato in Sardegna con uno scalo russo. Siamo partiti con Mosca, adesso San Pietroburgo, con una prospettiva per quest’ultimo volo di 12 mila posti offerti. In questa fase è molto importante il sostegno delle istituzioni, quindi un plauso all’iniziativa di Confindustria che ha organizzato il tour con i giornalisti. Questo porterà una maggiore conoscenza del territorio sardo», commenta Marzio Scamolla, Country Manager Italy della compagnia S7 Airlines.

«Il mercato russo è cresciuto notevolmente nell’ultimo anno grazie soprattutto all’investimento di un vettore giovane e dinamico come S7. Nel 2016 all’aeroporto di Olbia sono transitati circa 3 mila passeggeri dalla Russia e quest’anno ci aspettiamo 27 mila passeggeri, con un’offerta complessiva da 32 mila posti. Parliamo di un bacino di circa 150 milioni di abitanti. La novità assoluta è proprio il volo per San Pietroburgo, che si aggiunge al volo per Mosca», spiega Mario Garau, responsabile Sviluppo rotte Geasar.
Tra le mete del Press Trip, che si conclude venerdì 3 maggio con il rientro a San Pietroburgo, ci sono i luoghi più conosciuti della Costa, da Porto Rotondo e Baja Sardinia fino a Porto Cervo, ma anche una visita al Complesso Nuragico e Tomba dei Giganti di San Pantaleo, alla Roccia dell’Orso di Palau e una tappa alla Maddalena per ammirare alcune delle calette più belle dell’isola.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA