Immigrazione clandestina e lotta allo spaccio, in azione gli uomini del commissariato di Porto Cervo

OLBIA. Anche durante la stagione invernale continua l’attività della Polizia di Stato   del Commissariato di P. di S. di Porto Cervo. Personale della Polizia Amministrativa, nei primi giorni dell’anno ha proceduto al controllo straordinario di numerosi cittadini stranieri che ha portato all’individuazione di tre irregolari sul territorio nazionale ed all’attivazione dell’iter finalizzato all’espulsione immediata. Tra questi, in particolare un cittadino di nazionalità marocchina è risultato clandestino da oltre sette anni.

Nell’ambito degli stessi controlli, secondo quanto previsto dal Testo Unico per l’Immigrazione, si è proceduto a sanzionare,  i proprietari delle abitazioni dove gli stessi clandestini erano ospitati a vario titolo. Uno degli extracomunitari irregolari è stato trovato in possesso di sostanza stupefacente e per questo segnalato all’Autorità competente.

Le verifiche sulle pratiche di rilascio del permesso di soggiorno, hanno portato inoltre a far emergere diverse anomalie nella documentazione presentata da alcuni richiedenti, per mancanza dei requisiti previsti dalla normativa, con conseguente  rigetto delle istanze. I numerosi controlli amministrativi effettuati, anche nella stagione invernale, nei locali notturni siti nel territorio di competenza, hanno portato a verificare diverse irregolarità nelle gestioni e in alcuni casi è stata constatata la somministrazione di bevande alcoliche a minori di anni 18. Nell’ambito di specifiche attività d’indagine della Polizia Giudiziaria, finalizzate al contrasto dei reati inerenti gli stupefacenti sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria tre cittadini italiani che detenevano ai fini di spaccio quantitativi di hashish e di marijuana, uno di questi ancora minorenne, ma molto attivo nell’ambito dello spaccio. Altri due soggetti sono stati segnalati all’Autorità Amministrativa per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale. Le indagini sono partite da alcune segnalazioni ricevute da cittadini che avevano segnalato, una intensa attività di cessione di sostanze stupefacenti anche a minorenni. In totale sono stati sequestrati 238,9 grammi di marijuana, 104,6 di haschish, 2,7 grammi di cocaina e un bilancino di precisione.

Inoltre, relativamente a specifiche attività finalizzate al contrasto dei reati inerenti la criminalità informatica, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria, un cittadino di origine campana resosi responsabile di una truffa per locazione di un fantomatico appartamento per le vacanze. La vittima aveva effettuato il pagamento della caparra, ma una volta giunta in Sardegna, non aveva trovato né la casa né il venditore. Le  successive indagini hanno portato all’individuazione del truffatore che è risultato avere già altri precedenti penali per reati della stessa natura. Nelle ultime settimane la Squadra Anticrimine del Commissariato P.S., ha dato esecuzione ad un ordine di  arresto nei confronti di una cittadina di nazionalità russa sulla quale pendeva un mandato di cattura internazionale ed un altro per espiazione pena detentiva a carico di un soggetto che risultava da tempo irreperibile nel territorio italiano e senza fissa dimora.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche