Il Cda Air Italy approva la proposta della Regione sulle rotte in continuità territoriale di Olbia

OLBIA. Ieri sera, come da regolare programmazione mensile, si è riunito a Milano Malpensa il Consiglio di Amministrazione di Air Italy e il Chief Operating Officer Rossen Dimitrov ha informato il Consiglio su tutti gli sviluppi in corso. Fra questi, vi sono stati gli aggiornamenti sul tema della Continuità Territoriale sulle rotte di Olbia e la necessità di proteggere gli oltre 500 dipendenti, le loro famiglie e i loro redditi, nonché gli investimenti nella compagnia, effettuati negli ultimi 50 anni al servizio della Sardegna.

Rossen Dimitrov ha informato il Consiglio di amministrazione in merito all'ultima proposta presentata dalla Regione Sardegna, nonché della risposta inviata ieri da Air Italy.Come è stato affermato più volte, qualsiasi accordo - e l'impegno finanziario degli azionisti di Air Italy a sottoscrivere tale accordo – operando senza compensazione economica, ha come obiettivo primario la protezione dello staff e degli investimenti a Olbia. "Oggi il Consiglio di Amministrazione di Air Italy ha approvato la proposta inviata ieri da Air Italy, condizionandola -si legge in una nota stampa- alla piena accettazione di tutti i termini e condizioni delineati nella stessa, così come inviata ieri. Il Consiglio di Amministrazione ritiene sia ragionevole ed equa per tutte le parti e in grado di proteggere il futuro dello staff di Air Italy a Olbia. Dato l'imminente inizio dell'estate e la necessità di organizzare le operazioni, in particolare gli aeromobili, è fondamentale che la Regione Sardegna e Alitalia forniscano oggi la loro conferma per consentire ad Air Italy di provvedere ai propri obblighi nei termini e alle condizioni proposte e garantire gli interessi del proprio personale di Olbia. La decisione del Consiglio di Amministrazione dimostra ancora una volta l'impegno di Air Italy nei confronti di Olbia e della Sardegna e allenterà lo stato di pressione e incertezza che sta provando il personale di Olbia malgrado nessuno lo desiderasse, né lo ritenesse necessario”.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA MAÌA