Premio Alfonso De Roberto Uguali e Diversi, giovedì la premiazione all'Expo di Olbia

OLBIA. La giornata conclusiva del “premio Alfonso De Roberto Uguali e diversi”, organizzato dalla famiglia De Roberto-Tognotti con la collaborazione della casa editrice Taphros e del Politecnico Argonauti, si terrà giovedì 30 maggio dalle 9.30 in poi all’Expo. Quest’anno sono giunti all’esame della giuria 44 lavori nelle tre sezioni letterario/saggistica, artistico/grafica e tecnico/scientifica. Hanno partecipato i licei De André, Gramsci e Mossa, l’istituto Amsicora Ipia ed Ipa e l’istituto Attilio Deffenu.

La giuria era composta da Veronica Asara, Caterina De Roberto, Lidia Fancello, Roberto Ferinaio, Dario Maiore, Viviana Montaldo e Tino Scugugia. Saranno premiati i primi tre classificati delle tre sezioni con 250 euro per i primi, libri e dvd messi a disposizione da L’Unione Sarda per i secondi e i terzi. Saranno inoltre assegnati un premio speciale del Comune di Olbia, il premio Insula Felix (buono da 100 euro spendibile al My store) per il miglior lavoro sulle migrazioni e il premio Sensibilmente (buono da 100 euro spendibile alla libreria Ubik) al lavoro più originale sulla disabilità.

Il Premio De Roberto, oltre che del patrocinio permanente del Comune di Olbia, gode quest’anno del sostegno dell’Aspo che ha finanziato la stampa del libro con le opere vincitrici dell’edizione 2018. Grazie al sostegno, anche quest’anno il volume (che dedica alcune pagine alla Strada scolastica per la promozione della mobilità sostenibile) sarà distribuito gratuitamente a tutti i partecipanti. Nel corso dei lavori, coordinati dal giornalista Claudio Chisu, saranno dedicati spazi ad alcuni progetti su temi sociali che hanno coinvolto quest’anno gli studenti come il Pellegrinaggio della memoria e le giornate Fridays for future. Saranno ospitati in una postazione anche i ragazzi e le ragazze promotori del giornale scolastico del Liceo Mossa. Sarà presente l’assessora alla Pubblica istruzione e cultura Sabrina Serra.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA TÌROS