Olbia, grande successo per la IX edizione della rassegna musicale promossa dalla scuola Ettore Pais

OLBIA. Si è conclusa, con un successo di pubblico e partecipazione, nella sala conferenze del museo archeologico di Olbia la nona edizione della Rassegna musicale promossa dalla scuola superiore di primo grado "Ettore Pais", rivolta alle scuole ad indirizzo musicale del Nord Sardegna. La manifestazione, patrocinata dal Comune di Olbia e organizzata dai docenti dell’indirizzo musicale: Giuseppe Fresi Roglia (violino), Alessandro Ghironi (tromba), Louis Massa (chitarra), Fabio Nicosia (pianoforte), Gillan Capra (percussioni), Lara Marino (sax), Virginia Leone (chitarra) e Stefania Masu (pianoforte), ha raggiunto l'obiettivo desiderato, far incontrare e confrontare alunni e insegnanti su un argomento comune, la musica.

 L'adesione da parte delle scuole è stata notevole. Nel corso della tre giorni, dal 29 al 31 maggio, hanno partecipato gli Istituti Comprensivi di Tempio, Porto Torres, Castelsardo, Li Punti (Sassari), il comprensivo di Olbia di via Vicenza e l'Ettore Pais (sede centrale di via Nanni e succursale di via Veronese) di Olbia. Emozione, entusiamo e responsabilità, gli ingredienti di ogni esibizione. Sempre presente, attento e caloroso durante tutti gli spettacoli, un numeroso pubblico. Apprezzata anche l'esibizione che si è svolta il 30 maggio all'interno della sede di via Nanni per tutti gli studenti delle classi prime della scuola. Soddisfatti i docenti organizzatori della manifestaizone: "alunni e insegnani hanno avuto la possibilità di confrontarsi – spiega Fresi Roglia, referente del progetto e coordinatore dell'indirizzo musicale – un'occasione importante di stimolo e molto coinvolgente che ha arricchito tutti. La musica, come arte e come linguaggio – prosegue – ha molteplici finalità educative e formative, e questi incontri, attraverso un coinvolgimento diretto degli studenti, favoriscono l'ascolto, il rispetto e relazioni interpersonali positive".
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA MAÌA