Stop alla plastica monouso a Loiri Porto San Paolo, giovedì incontro con i cittadini

OLBIA. Il 15 giugno entra in vigore l’ordinanza che vieta l’uso delle plastiche monouso sulle spiagge. In vista dell’importante provvedimento il Comune organizza per giovedì 13 giugno un incontro per sensibilizzare i cittadini alle buone pratiche. E per spiegare in che modo il divieto, se rispettato da tutti, possa realmente dare un contributo alla tutela ambientale. Il convegno. Giovedì 13 giugno, a partire dalle 18, la Sala delle Farfalle, nella sede della delegazione comunale di Porto San Paolo, ospita l’incontro dal titolo “Inquinamento da plastica: l’importanza e la strategia per combatterle” organizzato dal Comune di Loiri Porto San Paolo con l’Area marina protetta di Tavolara e la Multiservice, la municipalizzata che svolge il servizio di nettezza urbana e la pulizia dei litorali. Il sindaco Francesco Lai, in apertura, illustrerà l’ordinanza che entrerà in vigore il 15 giugno e la campagna di sensibilizzazione che coinvolgerà cittadini e turisti.

Seguiranno gli interventi del direttore dell’Amp, Augusto Navone che avrà il compito di spiegare gli effetti ambientali dell’inquinamento da plastica ma anche le conseguenze economiche che certi comportamenti provocano. Giovanna Spano, dell’Amp, metterà in evidenza l’importante contributo che in questa battaglia arriva dall’educazione ambientale mentre Francesca Cinti, sempre dell’Amp, spiegherà i danni che la plastica provoca alle specie marine, in particolare alle tartarughe. Egidio Trainito, studioso e fotografo marino, presenterà invece i risultati di una sua ricerca che mostra come l’inquinamento stia modificando i fondali. Salvatore Piras, responsabile della Multiservice, illustrerà i risultati della raccolta differenziata nel comune di Loiri Porto San Paolo dal 2014 a oggi e gli obiettivi da raggiungere anche grazie all’ordinanza anti-plastica. Da Antonello Romanino arriveranno invece i consigli pratici per evitare l’uso delle bottiglie d’acqua di plastica monouso. “Questo incontro è il primo step di una campagna di sensibilizzazione più ampia che si sposterà anche sui social - spiega il sindaco Francesco Lai -. Non basta imporre dei divieti. Bisogna sensibilizzare i cittadini, residenti e turisti, e fargli capire quanto un gesto apparentemente piccolo come non utilizzare una bottiglia di plastica sia invece grande in questa battaglia. Tutti siamo chiamati a dare un contributo per invertire la rotta”.

 

L’ordinanza anti-plastica. Sulle spiagge del comune di Loiri Porto San Paolo sono stati già installati i cartelli che indicano il divieto di fumo, scattato il primo giugno e quello di uso di plastiche monouso, che scatterà il 15 giugno. I titolari di attività di somministrazione di alimenti e bevande, siano fissi che itineranti: ristoranti, bar, pizzerie, take away, stabilimenti balneari e chioschi hanno l’obbligo di distribuire ai clienti esclusivamente posate, bicchieri piatti, cannucce, mescolatori di bevande in materia biodegradabile e compostabile. Due mesi il tempo limite entro cui smaltire le scorte. Ai negozi di alimentari, siano essi supermercati o piccole attività è vietato vendere stoviglie per alimenti, cotton fioc non bio, mescolatori di bevande in plastica monouso. Entro 60 giorni dovranno smaltire le scorte. Cittadini residenti e vacanzieri non potranno utilizzare nelle spiagge comunali stoviglie monouso non compostabili. Il divieto è esteso anche alle feste pubbliche, manifestazioni, eventi sportivi, mercatini, sagre.

 

Stop alle sigarette. Dal primo giugno non si può più fumare in spiaggia e nei parchi pubblici. Sono state attrezzate delle aree riservate ai fumatori dotate di posaceneri e indicate con dei cartelli.

 

Sanzioni. Polizia municipale, Corpo forestale e di vigilanza ambientale, carabinieri,  barracelli e tutte le forze di polizia sono incaricate di fare osservare l’ordinanza. Le sanzioni vanno dai 25 fino al 500 euro.

 

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA MAÌA