Pesca illegale a Golfo Aranci, sanzione da mille euro a pescatore sportivo

OLBIA. Intervento a tutela della fauna marina da parte della Guardia Costiera di Golfo Aranci al comando del TV (CP) Angelo Filosa, che in seguito ad una segnalazione di un villeggiante, ha effettuato un’attività di contrasto alla pesca illegale di Holothuroidea (comunemente detta Oloturia o Cetrioli di Mare), specie ittica la cui pesca è vietata dal Decreto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo del 27 febbraio 2018, nr. 156.

I militari hanno sorpreso il pescatore sportivo intento nella pesca di Oloturie in località Terza Spiaggia del Comune di Golfo Aranci, già con un piccolo quantitativo. Allo stesso è stata elevata una sanzione di mille euro oltre al sequestro dell’attrezzo e reimmissione nel ciclo biologico del pescato per consentirne la sopravvivenza.

Il recente fenomeno della massiccia cattura di oloturie è legato alla elevata richiesta da parte dei mercati asiatici, nei quali questa specie è utilizzata per finalità cosmetiche oltre che alimentari. La pesca indiscriminata delle Oloturie di mare potrebbe causare gravi e irreparabili danni all’ecosistema marino nonché una conseguente diminuzione della biodiversità ed alterazione degli equilibri ecologici. L’Ufficio Circondariale Marittimo, per qualsiasi evenienza, ricorda il numero blu gratuito 1530 per le emergenze in mare, oltre ai consueti mezzi di comunicazione.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS