Turista colpita da shock anafilattico, soccorsa turista sull'Isola di Santa Maria

OLBIA. Pomeriggio di apprensione per una turista originaria della provincia di Catanzaro la quale, mentre si trovava in escursione nei pressi dell’Isola di Santa Maria a bordo di una delle motonavi adibite al trasporto passeggeri che quotidianamente consentono la visita delle spiagge e coste dell’arcipelago maddalenino, accusava all’improvviso notevoli difficoltà respiratorie e gonfiore su labbra, occhi e mani a causa di una probabile puntura di ape.

Il comandante della nave, ipotizzando un principio di shock anafilattico, contattava immediatamente il servizio di emergenza 118 al fine di richiedere un’evacuazione medica. La sala operativa del 118, valutata la situazione, inviava sul posto il servizio di elisoccorso informando contestualmente la sala operativa della Guardia Costiera di La Maddalena di quanto stava accadendo.

In considerazione delle particolari avverse condizioni meteomarine in atto, con raffiche di vento fino a 30 nodi, tenuto conto anche della distanza dalla costa dell’Isola e dell’assenza di idonee strutture di supporto logistico, veniva disposto l’invio in zona delle motovedetta SAR CP 870 la quale dirigeva verso l’imbarcazione alla massima velocità.

Giunta sul posto, in stretta sinergia con il personale sanitario del 118, tenuto conto anche delle condizioni di salute del paziente, veniva deciso di procedere ad imbarcare sulla motovedetta la malcapitata turista unitamente al personale medico del servizio sanitario. Terminate le operazioni di imbarco la motovedetta dirigeva alla massima velocità verso l’Isola di La Maddalena - porticciolo di cala camiciotto, limitrofo alla piazzola di atterraggio dell’elicottero -  al fine di affidare all’elisoccorso la turista per il successivo immediato trasferimento presso l’ospedale di Olbia.

L’odierna attività di soccorso rientra nell’ambito dell’operazione “mare sicuro 2019” messa in  campo a livello nazionale dal Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera per garantire ai cittadini una libera e sicura fruizione del mare durante l’intera stagione estiva.

Dall’inizio dell’operazione sono già state effettuate altre 3 evacuazioni mediche nonché l’assistenza ad una bagnante in difficoltà, traendo in salvo complessivamente 4 persone.
© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
SIDDURA TÌROS