Al via Porto Cervo Libri, si parte oggi con Stefania Andreoli e il 22 arriva Cristiano De Andrè

OLBIA. Anche quest’anno Porto Cervo sarà il punto d’incontro per un’estate di letteratura con importanti personalità del panorama culturale italiano che con i loro lavori riempiono le giornate di vacanza dei tantissimi lettori appassionati di saggi e narrativa. Ogni anno il centro smeraldino propone un cartellone di eventi con la partecipazione di autori di spicco e la presenza delle più importanti case editrici. Per l’edizione 2019 il programma allestito dal Consorzio Costa Smeralda sarà ancora più nutrito con la presentazione di ben 16 volumi che percorrono tematiche differenti, tutte di grande interesse.

Tutti gli incontri si terranno alle ore 19.30 in varie location del borgo, dal suggestivo Sottopiazza, il cuore pulsante di Porto Cervo, crocevia di migliaia di persone che ogni anno si incontrano in uno dei luoghi di vacanze più conosciuto e apprezzato al mondo, al waterfront, la nuova creatura di Smeralda Holding, voluta dal CEO Mario Ferraro, fino alla Piazza della Marina.
Si comincia sabato 13 luglio in Piazza della Marina con “Papà fatti sentire” di Stefania Andreoli edito da Bur Edizioni che dialogherà con la sociologa Francesca Chialà.

“Da che mondo è mondo, alle mamme tocca tutto, dall’inizio alla fine. E i papà, allora?” Oggi molte delle funzioni simboliche che da sempre sono state attribuite al ruolo di padre sono ormai scomparse. Abbandonato lo stile autoritario, i padri di oggi cambiano i pannolini, giocano con i figli, passano del tempo libero con loro. Ma allora perché il loro modello è ancora percepito come fortemente in crisi?
Il 22 luglio nel sottopiazza sarà la volta di Cristiano De Andrè e Alfredo Franchini con Questi sogni non fanno svegliare (Arcana Edizioni) con moderatore Costantino Cossu capo redattore delle pagine culturali della Nuova Sardegna.
A cinquant’anni dal Sessantotto, Cristiano De André ha riscritto la musica di “Storia di un impiegato”, tramutando lo storico album di Fabrizio in un’opera rock. Un modo per riproporre, con un vestito nuovo, l’attualità del messaggio poetico e sociale di quel disco. Nel libro di Alfredo Franchini e Ottavia Pojaghi Bettoni, Cristiano spiega che cosa lo ha spinto a rivestire di nuovi suoni le canzoni che sono presentate nei concerti con proiezioni e ambientazioni di palco in modo da riportarci nel clima degli anni Settanta quando, alla sera, i giovani andavano a dormire sapendo che si sarebbero svegliati nel futuro e avrebbero partecipato al cambiamento del mondo.

Il terzo appuntamento è il 26 luglio con Antonio Padellaro e il suo ultimo lavoro “Il gesto di Almirante e Berlinguer” pubblicato da Paper First, intervistato dalla giornalista Virginia Saba. Almirante e Berlinguer sono sempre stati agli estremi opposti del parlamento e della lotta politica. Due uomini divisi da tutto ma vicini, forse, nella stima reciproca. Un rapporto che non doveva esserci, e che invece viene svelato da un libro che contiene molto di più degli incontri segreti tra i leader del Msi e del Pci.

Il 29 luglio sempre nel Sottopiazza arriva, attesissimo, il filosofo Stefano Zecchi con “L’amore nel fuoco della guerra” (Mondadori): “Una coincidenza ci illude che il mondo non sia tanto disordinato e casuale come sembra.” Inizia così il nuovo romanzo di Stefano Zecchi, con un incontro fortuito, l’imbattersi inaspettato ma allo stesso tempo fatale in una cartellina azzurra con un nome scritto a matita rossa in un angolo.

Ad agosto si inizia venerdì 2 nel Sottopiazza con Vera Slepoj che presenterà il libro di Ludovica Casellati “La bici della felicità”, un grande successo della casa editrice Sperling & Kupfer.
Un invito a scoprire la bici per chi la sottovaluta, a mettersi in sella per chi ce l’ha da tempo in garage, a non abbandonarla mai per chi già la ama.
Il giorno successivo, il 3 agosto al Waterfront, Oscar Farinetti, con Annalisa Chirico e Flavio Briatore, parlerà del suo libro scritto a quattro mani con Piergiorgio Odifreddi, “Dialogo tra un cinico e un sognatore”.
Il lavoro del guru di Eataly, edito da Rizzoli, affronta i temi più urgenti dell’attualità: dai cambiamenti climatici alla politica dei «Grandi Satana come Trump e Orbán», dall’importanza del rispetto per la filiera del cibo alla decrescita «che è sempre infelice».

Il 6 agosto, sempre nel Sottopiazza, sarà la volta di un duo letterario, Alessandro Sola e Carmen Russo, con ospite Enzo Paolo Turchi.
Il giovane autore parlerà del suo libro “Il colore dell’inganno” (Pathos Edizioni):
Una guida turistica in viaggio a Torino scopre un cadavere nei pressi del centro, vicino alla stazione di Porta Nuova, cuore pulsante della città. Il commissario Tommaso Fuoco viene immediatamente incaricato delle indagini. Il suo lavoro e quello della sua squadra si rivela da subito complicato, aggravato anche, dall’affiancamento di un detective siciliano dal passato oscuro.
Celeberrima l’altra protagonista, Carmen Russo, con il suo secondo libro “Completamente io” sempre pubblicato da Pathos Edizioni.
La showgirl, ballerina e insegnante di danza ci descrive, in questo nuovo capitolo della sua ispirazione letteraria, quando decide di diventare mamma e affrontare questo cammino che la porterà con tutte le sue forze al raggiungimento di una maternità tanto desiderata. Nel contempo ci racconta come concilia il ruolo di diva, mamma e moglie oggi, con eleganza, sensibilità e ironia.
L’autrice Alessandra Necci, di casa in Costa Smeralda, presenterà, l’8 agosto nel sottopiazza, “Isabella e Lucrezia, le due cognate” (Marsilio Editore) coadiuvata da una grande firma di Repubblica come Stefano Folli e dal giovane intellettuale sassarese Giovanni Maria Chessa.
Erede di una grande dinastia, cerebrale donna politica e mecenate Isabella, figlia di un papa come Alessandro VI, donna di affetti e passioni Lucrezia. Le due donne incrociano le loro esistenze con tutte quelle dei grandi personaggi del tempo e rappresentano due straordinari prototipi di “dame di potere e di corte”. Il libro non vuole essere solo una biografia, ma anche e soprattutto una descrizione dell’Italia alle soglie dell’Umanesimo, con le sue contraddizioni e le sue complessità, che le impediranno per molti secoli ancora di divenire uno stato unitario.

Dori Ghezzi sarà a Porto Cervo nel Sottopiazza il 12 agosto per parlare di “Lui, Io, Noi” (Einaudi) con Alfredo Franchini, giornalista della Nuova Sardegna e storico amico e biografo di Fabrizio De Andrè:
Per la prima volta Dori Ghezzi, la donna che dal 1974 è stata accanto a Fabrizio De André, parla della sua vita e del suo rapporto con il più carismatico cantautore italiano. E riesce nel prodigio di restituirci un De André inedito, perché visto attraverso i suoi occhi.
Un Ferragosto a tutto libri con Tiziana Rocca per il volume “Il segreto del successo”, altro best seller di Sperling & Kupfer, che sarà presentato da Silvana Giacobini e Roberto Cavalli il 16 agosto nel sottopiazza.
Gli eventi sono oggi lo strumento più efficace e creativo per promuovere un marchio e, insieme ai social media, rappresentano la forma più nuova di comunicazione. Se un prodotto viene presentato direttamente al pubblico in una serata piacevolmente animata, in cui si può assistere a una performance insolita, sarà difficile dimenticarlo e i valori del brand verranno assorbiti e diffusi in modo facile e naturale.

Il 20 agosto nel sottopiazza Porto Cervo Libri accoglie un altro duo da non perdere, l’attrice Claudia Conte e l’agente dei grandi personaggi della TV Lucio Presta che arriverà con la moglie Paola Perego.
Claudia Conte racconterà il suo libro “Il vino e le rose” (Curcio):
L’essenza dell’esistenza, un turbinio di sentimenti opposti che sconvolge i personaggi alla costante ricerca del tentativo di sconfiggere il degrado psicologico che vive l’essere umano nell’epoca postmoderna.
Lucio Presta invece parlerà del suo lavoro edito da Mondadori “Nato con la camicia”
Il celebre produttore si racconta in questo diario intimo, corre indietro nel tempo, riannoda i fili dei ricordi e parla della sua infanzia, della sua famiglia: di una madre mai conosciuta, morta di parto dandolo alla luce, e di un padre assente, delle due sorelle, Pina e Lucia, e di quel fratello che non sapeva di avere.
Dalla Tv al sottopiazza di Porto Cervo per Luca Telese che presenterà il 25 agosto la sua ultima fatica, Cuori contro (Sperling & Kupfer) intervistato dal giornalista Claudio Cugusi.
Estremisti pazzi o criminali, sognatori dal grilletto facile, terroristi neri e rossi, politici in carriera; ma anche un coro di vittime, eroi dimenticati, madri, sorelle o fratelli che hanno perso quello che amavano di più, subendo discriminazioni e ingiustizie.

Il giornalista e scrittore, firma di punta del Corriere della Sera, Tommaso Labate sarà nel sottopiazza il 30 agosto per presentare “I rassegnati, l’irresistibile inerzia dei quarantenni” (Rizzoli): Ha iniziato la sua carriera da giornalista a Il Riformista nel 2004. Dal 2012 scrive per il Corriere della Sera, occupandosi in particolare di politica interna, e conduce Corriere Live per il sito della testata. Con lui sul palco di Porto Cervo Libri Mario Sechi, neo direttore dell’AGI.

La chiusura è affidata alla travolgente simpatia di Catena Fiorello che, il 31 agosto, nel Sottopiazza, con la complicità della sua amica Vera Slepoj, incontrerà il pubblico per parlare del libro “Tutte le volte che ho pianto” (Giunti Editore).
Scrittrice e personaggio tv, Catena è la terza di quattro figli della premiata famiglia Fiorello con all’attivo Rosario, Anna e Giuseppe. Ha lavorato come autrice televisiva in molti programmi, dal Festivalbar, sul finire degli anni Novanta, fino a Blog e a Reazione a Catena, grandi successi delle stagioni televisive dei primi anni 2000.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione

Leggi anche

SIDDURA MAÌA